Home / News / 40 anni di “Yessongs”

40 anni di “Yessongs”

Yes - Yessongs

Il 4 maggio 1973 gli Yes pubblicano il loro primo album dal vivo, Yessongs. La maggior parte dei brani sono stati registrati durante il tour di “Close To The Edge” con alla batteria Alan White, mentre “Perpetual Change” e “Long Distance Runaround/The Fish”, che risalgono invece al precedente tour di “Fragile”, vedono alla batteria ancora Bill Bruford.

Ad aprire il live album è la registrazione del tratto finale de “L’uccello di fuoco” di Igor Stravinskij, che da allora divenne il brano d’apertura dei concerti degli Yes.

I brani presenti in Yessongs sono:

  1. Opening (excerpt from “Firebird Suite”) – 3:47
  2. Siberian Khatru – 9:03
  3. Heart of the Sunrise – 11:33
  4. Perpetual Change – 14:11
  5. And You and I – 9:33
    1. Cord Of Life
    2. Eclipse
    3. The Preacher the Teacher
    4. Apocalypse
  6. Mood For a Day – 2:53
  7. Excerpts from the Six Wives of Henry VIII – 6:37
  8. Roundabout – 8:33
  9. I’ve Seen All Good People – 7:09
    1. Your Move
    2. All Good People
  10. Long Distance Runaround/The Fish (Schindleria Praematurus) – 13:37
  11. Close to the Edge – 18:13
    1. The Solid Time of Change
    2. Total Mass Retain
    3. I Get Up I Get Down
    4. Seasons of Man
  12. Yours Is No Disgrace – 14:23
  13. Starship Trooper – 10:17
    1. Life Seeker
    2. Disillusion
    3. Würm

Il packaging dell’album originale, in vinile, rappresenta uno dei capolavori grafici dell’artista Roger Dean, a cui si devono la maggior parte delle copertine degli Yes. Vi si trovano quattro distinti pannelli che continuano un tema iniziato con “Fragile”. Sul retro di “Fragile” veniva mostrato un piccolo pianeta che si sgretolava in grandi pezzi, sovrastato da una nave volante. Il primo pannello di Yessongs, intitolato “Escape”, mostra la nave che sembra condurre uno di questi frammenti attraverso lo spazio. Il secondo pannello, “Arrival”, mostra i frammenti che si immergono nell’acqua in un nuovo mondo. Nel successivo “Awakening”, questo nuovo mondo diventa l’habitat di numerose piante e specie animali. L’immagine finale, “Pathways”, mostra l’avvento della civiltà.

Check Also

Ian Anderson annuncia il tour per il 50° anniversario dei Jethro Tull

Ian Anderson annuncia il tour per il 50° anniversario dei Jethro Tull

Tra i tanti appuntamenti che caratterizzeranno il 2018 spicca la celebrazione del 50° anniversario dal …

One comment

  1. Mi ricordo un amico mi disse andiamo al cinema , avevo 11 anni il massimo per me era Battisti , ok vengo dissi io , inizio del film la gente si alza in piedi e comincia a D’aplaudire
    una musica classica avvolge la sala poi parte your move steve howe sulla destra al centro jon anderson a sinistra mister squire dietro alan e piu a sinistra wakeman il film continua e la mia vita non e piu la stessa , la passione che ho avuto per questa band e immensa – gli YES SONO GRANDI E PASSERANO ALLA STORIA –

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *