Home / News / 41 anni di “Trilogy”

41 anni di “Trilogy”

Emerson, Lake & Palmer - Trilogy

Il 6 luglio del 1972 Emerson, Lake & Palmer pubblicano il loro terzo album in studio, Trilogy. L’album si discosta dalla struttura dei precedenti album, perlopiù composti da contributi individuali riarrangiati dal solo Emerson, presentando per la prima volta un lavoro di gruppo.

Proprio da questo aspetto deriva una maggiore armonia e coesione musicale che per la prima volta vede i tre musicisti condividere la scena e non contendersela. A sottolineare questa svolta musicale concorre anche la bella copertina raffigurante i tre busti nudi dei musicisti. Per la realizzazione della cover la band provò addirittura a contattare l’artista surrealista spagnolo Salvador Dalì, le cui alte pretese, però, fecero desistere il trio inglese.

L’album si apre con un’unica composizione divisa in tre movimenti: “The Endless Enigma – Part One”, “Fugue” e “The Endless Enigma – Part Two”. La prima sezione ha un andamento maestoso, con Palmer in grande evidenza; il pezzo sfocia poi in una cadenza pianistica, tipica di Keith Emerson, che risolve addirittura in una fuga a tre voci, una delle quali è affidata al basso di Greg Lake, per poi concludere con la ripresa del tema iniziale (ispirato proprio a Dalì). A seguire la ballata acustica “From The Beginning” e il country prog di “The Sheriff”, chiuso dal piano honky tonk di Emerson. A chiusura del lato A “Hoedown”, un brano dalle atmosfere romantiche, adattamento dell’omonimo brano dall’opera “Rodeo” di Aaron Copland. Il lato B della versione originaria in vinile si apriva proprio con la title track, sostenuta quasi interamente da Emerson, alla quale faceva seguito la breve parentesi rock di “Living Sin” prima della conclusiva “Abaddon’s Bolero”, che segue per certi versi lo schema del noto “Bolero” di Ravel.

http://youtu.be/C5Od0jF9TA4

Check Also

hrh prog vi edizione

HRH Prog Festival VI – Il programma

Tutto pronto per la sesta edizione dell’HRH Prog Festival che si terrà a Pwllheli in …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *