Home / Artisti e gruppi / Brainticket

Brainticket

Brainticket è un gruppo progressive rock / krautrock, originariamente formato nel 1968, composto da membri di varie nazionalità (belga, svizzera, scozzese, tedesca e italiana). Un progetto aperto a cui negli anni hanno preso parte numerosi musicisti (tra cui la cantante italiana Gianfranca Montedoro).

La formazione più popolare è quella guidata da Joel Vandroogenbroeck (organo, tastiere, flauto e voce) e composta da Ron Bryer (chitarra), Werni Fröhlich (basso), Cosimo Lampis (batteria), Wolfgang Paap (percussioni, tabla), Dawn Muir (voce), Carole Muriel (voce, cetra) e Hellmuth Kolbe (tastiere, effetti sonori), formazione che nel 1971 registra il primo album, “Cottonwoodhill”.

Cottonwoodhill” è uno dei dischi più insoliti di progressive acido psichedelico. Propone una musica lisergica, a imitazione degli acid trips californiani, ma molto più sbilanciata sul fronte progressivo, con tastiere, flauto, voci recitanti, ritmi ipnotici, voci femminili seducenti e deliranti, improvvisazione rumoristica.

Attivi nei primi anni ’70 in Italia, i Brainticket partecipano, nel 1971, al Festival Pop di Caracalla a Roma con Osanna, Il Ritratto di Dorian Gray, Panna Fredda, Lucio Dalla, Il Punto e molti altri. Sempre in Italia registrano il secondo, “Psychonaut” (1972) e il terzo album, “Celestial Ocean” (1974). Nel 1973 la RCA pubblica il disco “Free Dimension”, una compilation di psych/prog italiano che racchiude, oltre ai Brainticket, anche Perigeo, N.A.D.M.A., Living Music.

“Psychonaut”, realizzato da un formazione a tre (Vandroogenbroeck, la cantante Carole Muriel, il batterista Barney Palm), risulta meno allucinato e più progressivo, ma anche meno devastante del precedente “Cottonwoodhill”. Il suono si sposta tra quello dei Gong e della scena free tedesca, con ampio uso di tastiere elettroniche e vari esotismi di contorno (sitar, tabla, flauti).

“Celestial Ocean”, sempre registrato da una formazione a tre elementi, è un concept album ispirato al Libro dei Morti degli antichi Egizi. Sonorità di space rock e kosmische musik si sovrappongono ai consueti deliri recitativi su tessuti percussivi, in più esotismi acustici con sitar e flauto, effetti sonori elettronici che ricordano i Gong, e infine caos e improvvisazione.

Dopo la pubblicazione dei primi tre album la band si scioglie per poi riformarsi agli inizi degli anni ’80, giusto il tempo per pubblicare due nuovi album: “Adventure” (1980) e “Voyage” (1982).

“Adventure” esce nel 1980, ma a quanto pare è stato registrato nella metà degli anni ’70, prima dello scioglimento del gruppo. L’album è il risultato di una jam session notturna. Tutti i brani hanno tessiture strumentali molto simili con la combinazione di elettronica con percussioni, più un massiccio uso di sintetizzatori.

“Voyage”, invece, esce nel 1982 e presenta solo due lunghe escursioni strumentali dominate ancora da sintetizzatori, con soluzioni affini ai Tangerine Dream. “Voyage” è il risultato della stessa  jam session notturna che aveva portato ad “Adventure”

Dopo il 1982 la band scompare nuovamente, per riapparire solamente nel giugno del 2000, con la pubblicazione del solo “Alchemic Universe”.

Nell’agosto del 2011, una nuova formazione dei Brainticket, capeggiata da Vandroogenbroeck, prende parte a un tour insieme alla progressive rock band Nektar. Il 17 agosto del 2011 i Brainticket si esibiscono nel loro primo concerto americano al B. B. King a New York. Nello stesso anno viene pubblicato “Live In Rome 1973”, registrazioni di un concerto tenuto a Roma nel 1973.

Nel 2015 viene pubblicato un nuovo album in studio, “Past Present & Future”, nel quale rivivono le atmosfere lisergiche dello straordinario “Cottonwoodhill“. Per meglio definire la sua personale visione della vita, Joel Vandroogenbroeck ha arruolato il chitarrista degli UK Subs Nicky Garratt, Jürgen Engler dei Die Kurpps, Jason Willer e Kephera Moon della band di Nik Turner, e molti altri.

Per maggiori info: brainticketband.com

Formazioni:

Cottonwoodhill (1971)

Ron Bryer: chitarra

Werni Fröhlich: basso

Hellmuth Kolbe: tastiere, effetti sonori

Cosimo Lampis: batteria

Dawn Muir: voce

Wolfgang Paap: percussioni, tabla

Joel Vandroogenbroeck: organo, tastiere, flauto, voce

Psychonaut (1972)

Celestial Ocean (1974)

Carole Muriel: voce, cetra

Joel Vandroogenbroeck: organo, tastiere, flauto, voce

Barney Palm: batteria, percussioni, rumori

Adventure (1980)

Voyage (1982)

Joel Vandroogenbroeck: tastiere, flauto, chitarra, voce

Barney Palm: batteria, percussioni, rumori

Hans Deyssenroth: tastiere, synths, computer

Wilhelm Seefeldt: synths, computer

Alchemic Universe (2000)

Lance Bunda: parole

Carol Muriel: voce

Joel Vandroogenbroeck: tastiere, synth, chitarra, flauto, voce

Discografia:

1971 – Cottonwoodhill (Bellaphon / Hallelujah Records)

1972 – Psychonaut (Bellaphon / Esoteric Records)

1973 – Free Dimension (RCA, AA.VV.)

1974 – Celestial Ocean (Purple Pyramid / Cleopatra Records)

1980 – Adventure (Purple Pyramid / Cleopatra Records)

1982 – Voyage (Purple Pyramid)

2000 – Alchemic Universe (Cleopatra Records)

2011 – Live In Rome 1973 (Cleopatra Records)

2015 – Past Present & Future (Cleopatra Records)

Fotogallery

  • Brainticket
  • Brainticket
  • Brainticket
  • Brainticket
  • Brainticket
  • Brainticket
  • Brainticket
  • Brainticket
  • Brainticket

Check Also

Quartech - band 2017

Quartech

I Quartech nascono a Roma nel dicembre 2010 da un’idea di Francesco Bianchi (tastierista/compositore). Grazie …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *