Home / News / Cuma 2016 d.C. – Il nuovo album de Il Balletto di Bronzo di Lino Ajello e Marco Cecioni

Cuma 2016 d.C. – Il nuovo album de Il Balletto di Bronzo di Lino Ajello e Marco Cecioni

Cuma 2016 d.C. – Il nuovo album de Il Balletto di Bronzo di Lino Ajello e Marco CecioniImportante traguardo per la band partenopea Il Balletto di Bronzo che festeggia il cinquantennale pubblicando l’album di inediti “Cuma 2016 d.C.”.

La presentazione di Carmine Ajmone (scrittore, giornalista, critico musicale): Cuma 2016 d.C. non ha il sapore di una semplice e ormai sempre più comune operazione di revival in cui la nostalgia detta le regole dell’ascolto. Cuma 2016 d.C. è un progetto figlio dell’amore e della passione per la musica rock di Lino Ajello e Marco Cecioni (ex Balletto di Bronzo) con special guest Gianni Leone leader ed erede de Il Balleto di Bronzo nato due anni fa che rimette in gioco metà della prima formazione di questa band che nel 1970 pubblicò l’album Sirio 2222 (RCA) ponte di dialogo tra il rock degli anni ’60 e le nuove sonorità progressive di matrice pinkfloydiane. In questo nuovo lavoro discografico ritroviamo il cantante Marco Cecioni, che dopo una lunga esperienza artistica come pittore grafico e scultore maturata in Svezia si è rimesso in gioco scrivendo la maggior parte della musica e dei testi delle nuove canzoni, eccezion fatta per il brano “Ordine Disordine” composto con il bassista Alessandro Stellano e con il chitarrista Lino Ajello. Quest’ultimo, dopo l’esperienza prog con Gianni Leone con l’album “YS” (Polydor 1972) del Balletto di Bronzo, ritornato in Italia, ha riacceso il suo amplificatore e imbracciato la chitarra. Ad Alessandro Stellano si devono anche tutti gli arrangiamenti del disco compreso una new version di “Neve Calda” in cui spicca la presenza del tastierista e compositore Gianni Leone (al secolo LeoNero). Con i tre componenti storici Cecioni, Ajello e guest Leone (che ritroviamo anche nel brano “Ordine e Disordine”) in Cuma 2016 d.C. hanno suonato con energia, professionalità e personalità: Francesco del Prete (figlio di Franco del Prete, Showmen, Napoli Centrale, Sud Express) e Alfonso Mocerino alla batteria, Alessandro Crescenzo e Tony Guido alle tastiere. «La passione è l’ossigeno dell’anima» ha più volte affermato il noto direttore della fotografia Bill Butler e in questo album essa trasuda da ogni “solco”, da ogni traccia, da ogni nota. Cuma 2016 d.C. è un disco sincero, un atto d’amore nei confronti del mondo delle “7 note”, quello dove dimorano chitarre distorte, sezioni ritmiche potenti, tastiere di grande impatto e tanta energia.

Tracklist:

1 Da soli

2 Pirati

3 Figlio dei fiori

4 Neve calda new version

5 Bivio acido

6 Un mondo da salvare

7 Vorrei essere un deejay (Eivissa)

8 Una meta

9 Big Mama

10 Ordine disordine

L’album sarà disponibile dal 19 febbraio in versione CD con copertina metallizzata deluxe, o in edizione limitata vinile gatefold, maxi booklet e cd.

Per acquistare l’album: BTF | Self

Per maggiori info: facebook

Check Also

Soft Machine 1968-1981 – Il nuovo libro di Carlo Pasceri

Soft Machine 1968-1981 – Il nuovo libro di Carlo Pasceri

È uscito “Soft Machine 1968-1981”, il nuovo volume della collana “Dischi da leggere” scritto da …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *