Daal

Il progetto Daal nasce nel 2008 dall’unione artistica del tastierista Alfio Costa (Tilion, Prowlers, Colossus Project, Fufluns) e dal batterista/percussionista Davide Guidoni (Gallant Farm, The Far Side, Taproban, Nuova Era, Aries, Doracor, Pensiero Nomade, Ozone Player).

Le fondamenta di questa unione si basano sull’assoluta libertà compositiva, sulla sperimentazione sonora e su una scrittura il più possibile scevra di riferimenti più o meno noti, con l’impellente necessità di dare libero sfogo alle perversioni musicali dei due artisti.

Il primo contatto artistico avviene nel settembre del 2008, in un casolare enorme vicino ai monti Cimini nel viterbese, in cui Costa e Guidoni, isolati dal resto del mondo e liberi di affrontare questa sorta di esperienza “spirituale”, trovano il giusto feeling per poter lavorare al loro progetto senza nessuna interferenza. Il contesto naturalistico di questo paesaggio rurale ha pesantemente influenzato il loro disco di esordio, “Disorganicorigami” (2009), nato nel silenzio e nella nebbia inquietante di uno splendido paesaggio etrusco. L’album è accolto da critica e pubblico in maniera entusiastica e nello stesso anno si guadagna una nomination ai Prog Awards come “Miglior Debut Album”.

Nel 2010 esce “Destruktive Actions Affect Livings” per la neonata etichetta Agla Records. Il gruppo decide di produrre, oltre al cd ufficiale, un cofanetto a tiratura limitata, contenente un bonus cd considerato poi a tutti gli effetti il terzo disco ufficiale, “Echoes of the Falling Stars”.

Sempre nel 2010 vengono prodotti due video per i brani “Level6666” e “Memories of old pictures” a supporto del disco “Destruktive Actions Affect Livings”.

Negli anni la musica dei Daal continua ad affinarsi e ad evolversi mantenendo costanti le caratteristiche sonore e compositive del progetto. Esempi chiari sono i due brani: “Static Stars” per la produzione discografica “Dante’s Paradiso – The Divine Comedy Prt III” e “The Fall of the House of Usher” per “The Tales of Edgar Allan Poe – A Synphonic Collection”.

Nel 2011 Costa e Guidoni ritornano a lavoro realizzando tre nuovi brani per altrettante compilation: “Witches” per “Decameron: ten days in 100 novellas (Part I)”, “Echoes” (Pink Floyd) per il tributo “Let there be more light”, ed infine “The call of Cthulhu” per la compilation “The Stories Of H.p. Lovecraft”.

Nel novembre 2011 iniziano le fasi compositive del quarto album: “Dodecahedron”, liberamente ispirato a 12 racconti scritti da alcuni amici e fan della band, pubblicato nel 2012 e preceduto dal primo Ep “Echoes”. Nello stesso anno viene pubblicato anche il secondo Ep della band intitolato “The Call of the Witches”.

Il 1° dicembre 2014 viene pubblicato, sempre dalla Agla Records, “Dances of the drastic Navels“. L’album ripercorre idealmente quanto di buono fatto nei primi due album, dando finalmente una forma e una conclusione alla “suite a puntate” intitolata “The Dance of the drastic Navels”, iniziata col vol. 1  in “Disorganicorigami” e ripresa col vol. 2 in “Destruktive”. Oltre a Costa e Guidoni, l’album vede la partecipazione di Ettore Salati (chitarre), Bobo Aiolfi (basso), Tirill Monh (voce in “The Dance of the drastic Navels”), Letizia Riccardi (violino in “The Dance of the drastic Navels”) e Guglielmo Mariotti (voce nella intro di “Malleus Maleficarum”).

Definire la musica dei Daal non è sicuramente cosa facile. Rock progressivo, musica elettronica, rock sperimentale, ogni etichetta appare limitativa per definire la musica dei Daal, che non è altro che un mix di atmosfere sonore e ritmiche viscerali, condito da una buona dose di anarchia musicale.

Per maggiori info: www.daal.it

Formazione:

Alfio Costa: hammond, rhodes, mellotron, minimoog,piano, synths, samplers

Davide Guidoni: batteria, percussioni, samplers

Collaboratori:

Laura Mombrini: voce

Cristina Vinci: voce

Flavio Costa: chitarre

Riccardo Paltanin: violino

Alessandro Papotto: sax, clarinetto, oboe

Vincenzo Zitello: viola, violoncello, clarinetto, flauto, arpa

Fabio Zuffanti: basso

Cristiano Roversi: stick bass

Ettore Salati: sitar, chitarra

Guglielmo Mariotti: basso, voce

Salvo Lazzara: chitarra

Bobo Aiolfi: basso

Hamadi Trabelsi: voce, cori

Gabriele Lepre: voce

Simone Cecchini: voce

Chiara Alberti: violoncello

Sylvia Trabucco: violino

Luca Scherani: bouzouki

Letizia Ricciardi: violino

Tirill Monh: voce

Guglielmo Mariotti: voce

Discografia:

2009 – Disorganicorigami (CD Mellow Records MMP 513 Italy)

2011 – Destruktive Actions Affect Livings Music (CD Agla Records cd02 Italy)

2011 – Echoes Of Falling Stars (CD Agla Records cd03 Italy)

2012 – Echoes (Ep) (CD Agla Records cd04 Italy)

2012 – Dodecahedron (CD Agla Records cd05 Italy)

2012 – The Call of the Witches (Ep) (CD Agla Records cd06 Italy)

2014 – Dances of the drastic Navels (CD Agla Records cd08 Italy)

Fotogallery

  • Daal
  • Daal
  • Daal
  • Daal
  • Daal
  • Daal
  • Daal

Check Also

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Faust & Malchut Orchestra / Fausto Bisantis

Faust & Malchut Orchestra è la band che dal 2012, porta in scena il repertorio …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *