Home / News / Effect of the Head’s Mass – L’esordio discografico degli Psicotaxi

Effect of the Head’s Mass – L’esordio discografico degli Psicotaxi

Effects of the Head's Mass – L’esordio discografico degli PsicotaxiEchi psichedelici iperamplificati, riff ossessivi, elettronica e un immaginario a forti tinte pulp

Psicotaxi è una creatura aliena, collocabile su coordinate “psychedelic-progressive-space-mental”, nata nel 2010, con Andrea Bordoni (basso), Luca Bresciani (sintetizzatori), Lamberto Carboni (chitarra) e Virgile Mermoud (batteria). Sul finire del 2015 esce per Subsphera il loro primo album “Effect of the Head’s Mass“, che contiene 6 brani di cui 3 strumentali e 3 con la partecipazione, in forma di reading, del giornalista/scrittore Manlio Benigni. Un sound allucinogeno a forti tinte pulp che potrebbe trovare un ideale punto di incontro nello space-rock e nella natura visionaria di band come Hawkwind, Can, Tool e Ozric Tentacles.

Un progetto, nella sua ambientazione fanta-urbana, definito anche “Heavy Mental Poetry: una ricerca poetica che ambisce ad un nuovo connubio musica-parola, non semplice accompagnamento alla lettura, ma contrappunto puntuale a parole che vogliono essere dure come pietre, taglienti come lame e leggiadre come farfalle”.

Tracklist:

  1. Q Factor
  2. Un tram che si chiama pornodesiderio
  3. Zingaropoli
  4. August in black
  5. Il mondo nuovo
  6. Performance

Per maggiori info: sito | facebook

Per acquistare l’album: Lizard Records

Check Also

Soft Machine 1968-1981 – Il nuovo libro di Carlo Pasceri

Soft Machine 1968-1981 – Il nuovo libro di Carlo Pasceri

È uscito “Soft Machine 1968-1981”, il nuovo volume della collana “Dischi da leggere” scritto da …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *