Home / News / Forme Libere – L’esordio discografico degli Aliante

Forme Libere – L’esordio discografico degli Aliante

Forme libere – L’esordio discografico degli AlianteGli Aliante sono una grande sorpresa nella musica italiana, creativi, attenti, mai dispersivi e mai eccessivi: hanno le idee chiare e il talento necessario per metterle in pratica. Sanno perfettamente giocare con la melodia e con gli intrecci armonici per creare una musica evocativa ed emotivamente avvolgente. Una nuova sensazione sonora che profuma di musica colta senza essere snob.

Solo un volo a planare, calmo, riflessivo, con qualche momento di leggera follia in una discesa più rapida può descrivere compiutamente (o almeno dare lo stesso tipo di sensazioni) della musica che potete ascoltare in questo disco degli Aliante.

Una musica che senza pretese vuole aprire i confini del rock progressivo per sconfinare in cieli aperti e di ampio respiro, dove la melodia è assoluta padrona e al tempo stesso compagna di viaggio di ritmi e di tempi insoliti. Se gli assoli di moog fossero eseguiti da un sax potremmo chiamarlo jazz-fusion…. E invece le trame sonore di basso, tastiere e batteria ci conducono verso un prog sinfonico, che sa di nuovo senza dimenticare le origini. Un volo fatto di slanci luminosi e di picchiate da togliere il fiato, tra echi di tamburi dal suono quasi etnico e il battito incrociato di un basso incalzante.

E quindi godetevi questa libertà: per Aliante non sono obbligatorie le cinture di sicurezza.

Forme Libere, Il primo lavoro degli Aliante (anche se le esperienze dei tre componenti sono molteplici e di lunga data: basti ricordare che Jacopo Giusti e Alfonso Capasso sono stati membri del gruppo Egoband), viene pubblicato da M.P. & Records e distribuito da G.T. Music Distribution; la data di uscita è il 6 settembre, giorno di plenilunio di settembre.

L’album è prodotto dagli Aliante e Vannuccio Zanella.

Aliante sono:

Enrico Filippi: Moog Sub 37, Kurzweil pc3 61 kore expansion, Roland Fantom G6, Yamaha P120, Korg Trinity plus

Alfonso Capasso: basso Ibanez Musicians, basso Fender Jaguar, distorsore Electro Armonix Big Muff, testata Mark big bang, monitor Ampeg

Jacopo Giusti: batteria Yamaha Stage Custom, piatti Paiste Signature, Zildjian, Stagg e Gong Ufip

Tracklist:

1 – Forme Libere (0:54)

2 – Kilowatt Store (5:16)

3 – Tre di Quattro (9:28)

4 – Etnomenia (6:17)

5 – Kinesis (5:15)

6 – Coda:Marea 03 (1:45)

7 – L’ultima balena (8:30)

8 – San Gregorio (9:27)

Per maggiori info e per acquistare l’album: M.P. & Records | G.T. Music Distribution | Aliante

Check Also

Peter Hammill (2017) From The Trees

From The Trees – Il nuovo album di Peter Hammill

From The Trees, il primo album solista di Peter Hammill dal 2014, verrà pubblicato il …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *