Home / News / Icebound – Il nuovo album di Not a Good Sign

Icebound – Il nuovo album di Not a Good Sign

Icebound – Il nuovo album di Not a Good SignIcebound, il terzo album di Not a Good Sign, esce ufficialmente oggi, 5 maggio 2018. Sempre prodotto da Marcello Marinone, con questo disco la band cambia di nuovo approccio e realizza un album più complesso, ambizioso e a tratti astratto. Come in passato, non viene percorsa la strada del concept album, anche se le tematiche trattate tendono a legarsi a vicenda, creando uno scenario narrativo omogeneo e tormentato. La presenza di Gian Marco Trevisan alla chitarra, qui alla prima partecipazione con la band in studio dopo una serie di concerti live, sposta il suono chitarristico verso una direzione meno spigolosa che in precedenza. Inoltre, Trevisan prende a carico di fatto metà delle parti cantate, contribuendo a diversificare l’apporto vocale. Infine, firma la composizione di uno dei brani, mentre i restanti sono composti dal tastierista Paolo «Ske» Botta.

Altre novità sono l’attenzione per il groove, l’occasionale elaborazione dei suoni di batteria fino a farla diventare quasi elettronica e l’inserimento in larga parte del violino, suonato dall’ospite Eloisa Manera (Artchipel Orchestra, Progenesi). Altro ospite illustre è David Jackson (VDGG), ai fiati nella lunga e multiforme “Trapped In”, forse il brano che più di tutti si avvicina allo stilema della classica “suite” tanto cara al prog. Antonio De Sarno si è occupato di supervisionare i testi, che come in passato sono interamente in inglese, contribuendo anche alla creazione del testo per il brano “Truth”.

La band presenterà il disco con una nuova formazione senza Calandriello e con il percussionista Pacho Rossi (Alphataurus, Karma) il 5 maggio a Casa di Alex – Milano, rinnovando così l’ormai tradizionale concerto-release party.

Avendo intrapreso la strada dell’autoproduzione, la band ha deciso distribuire l’album principalmente in digitale. Tuttavia ha anche creato un CD in edizione limitata a 500 copie numerate, autografate e con una lavorazione molto particolare della custodia esterna, che la rende visivamente “ghiacciata”. Questa lavorazione decisamente laboriosa è stata applicata a mano dai componenti stessi della band, contribuendo a diversificare ogni copia che diventa così in qualche modo unica.

Tracklist:

  1. Second Thought
  2. Frozen Words
  3. Hidden Smile
  4. As If
  5. Down Below
  6. Truth
  7. Not Yet
  8. Trapped In
  9. Uomo Neve

Per maggiori info: sito | Facebook

Check Also

Cover Green 2018 – Musica da guardare

Cover Green 2018: Musica da guardare

Mercoledì 22 agosto 2018 parte la terza edizione di Cover Green – Musica da guardare, in programma …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *