Home / News / Il corpo nel sogno – Il nuovo album di Oteme

Il corpo nel sogno – Il nuovo album di Oteme

Il corpo nel sogno – Il nuovo album di OtemeIronico, disperato, sensuale,

divertente, feroce, giocoso,

quasi-sinfonico (se ci fosse l’orchestra),

onirico, teatrale.

Ecco Il corpo nel sogno, la nuova opera di Oteme, l’Osservatorio delle Terre Emerse, quasi un divertissement a metà strada tra musica da camera, canzone d’autore, Rock-In-Opposition, musica elettroacustica. Quello che avrebbero scritto volentieri Stravinski, Messiaen e Feldman se avessero amato il drum’n’bass. Ciò che potrebbe ancora ipotizzare Dylan se fosse interessato alle avanguardie del Novecento. Il sogno ricorrente di Sun Ra che profetizzava l’avvento di Battisti e Panella.

Dopo il successo di critica dei due precedenti CD (Il giardino disincantato – Edd Strapontins 2013 e L’agguato, l’abbandono, il mutamento – Ma.Ra.Cash Records 2015) Oteme torna con un lavoro complesso, costruito pazientemente in circa due anni, fra prove (molte) e concerti dal vivo (pochi). L’organico, robusto come al solito, vede 8 musicisti e più, alle prese con fiati, voci, percussioni, tastiere, chitarre, più un ospite di eccezione, Antonio Caggiano al vibrafono, membro fondatore del gruppo di percussioni Ars Ludi.

Come nei due lavori precedenti i contesti artistici e musicali si intersecano e si combinano liberamente, fuori da ogni logica di facile mercato, ma il suono acquista caratteristiche più personali, diventando ormai un marchio di fabbrica degli Oteme. I testi raccontano il quotidiano in maniera divertita e surreale, spaziando dalla poesia ermetica al saccheggio dei social network (come nel caso del brano Rubidor #1, scritta sulle riflessioni su fb dell’artista e drammaturga Rubidori Manshaft); la musica parte dalla forma canzone per sgretolarsi in mille influenze di generi e discipline, in un tutto omogeneo che non sta qui, non sta là.

I musicisti dell’ensemble vengono da aree diverse. dal jazz alla musica classica, dal folk/bandistico, alla canzone d’autore, dall’avanguardia colta al teatro sperimentale.

Stefano Giannotti, compositore ed autore dei brani del CD, in questi anni (oltre al lavoro con Oteme) ha condotto un’intensa attività come autore e produttore di opere radiofoniche per le principali radio di stato tedesche (Deutschlandradio Kultur, SWR, WDR); ha inoltre sviluppato diverse performance da solo a metà fra teatro musicale, video-arte e sound-art. Insegna chitarra e composizione presso la Scuola di Musica Sinfonia di Lucca, dove dirige anche l’Orchestra SMS, nata da un laboratorio di studenti giovanissimi e non.

Line-up:

  • Valeria Marzocchi: flauto, voce
  • Lorenzo Del Pecchia: clarinetto, clarinetto basso
  • Maicol Pucci: tromba, flicorno
  • Marco Fagioli: basso tuba, trombone, sifone
  • Stefano Giannotti: voce, chitarra elettrica, organo Farfisa, elettronica, percussioni, armonica
  • Emanuela Lari: piano, tastiere, voce
  • Valentina Cinquini: arpa, voce
  • Riccardo Ienna: percussioni

Voci addizionali: Gabriele Stefani, Edgar Gomez

Ospite d’onore Antonio Caggiano: vibrafono su Orfeo e Moira e Blu marrone

Per maggiori info: Oteme

Check Also

Wowsers – Il nuovo lavoro dei Chickn

Wowsers! – Il nuovo lavoro dei Chickn

Wowsers! è stato registrato dal vivo tra la fine del 2017 e gli inizi del …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *