Juventus, Sarri: "La Lega ci ha messo in difficoltà, contro la Roma con l'U23" | notizia

Juventus, Sarri: “La Lega ci ha messo in difficoltà, contro la Roma con l’U23” | notizia

Maurizio Sarri ammette che l’ultima vista non è stata una Juventus particolarmente brillante, soprattutto dal punto di vista fisico, e spiega che per ottenere il meglio della partita di Champions League contro il Lione, potrebbe arrivare anche una decisione sensazionale per l’ultimo giorno di Serie A: ” Problemi dal punto di vista fisico? La Lega li ha creati – ha detto dopo la sconfitta di Cagliari – Giochiamo 5 partite in 12 giorni. Vediamo in quali condizioni saremo, ma contro la Roma potrei anche schierare l’Under 23 per recuperare la condizione”.

Sarri comunque non era preoccupato per il brutto knockout contro i rossoblù e ha trovato alcuni aspetti positivi nell’esecuzione del suo: “Gli obiettivi subiti (40 in Serie A, ndr) di cui possiamo preoccuparci, ma stasera la partita in sé no. Abbiamo vinto lo Scudetto 68 ore fa, in termini di motivazione era un gioco atipico e deve essere preso per quello che è. Naturalmente è chiaro che dobbiamo diventare una squadra più solida. Il dribbling sta uscendo bene come una mentalità, ma sicuramente prende più ritmo. La palla deve girare più velocemente. A casa abbiamo sempre trovato il modo di sbloccare, mentre fuori casa abbiamo lottato quando non eravamo a tutta velocità. Quindi avrebbe anche bisogno di più splendore fisico, che probabilmente non abbiamo al momento “.

Il tecnico toscano si soffermò quindi Cristiano Ronaldo, nel suo momento e nella sua partita, in particolare per quanto riguarda l’accordo con Gonzalo Higuain: “Cristiano è un istintivo, non può essere codificato nei suoi movimenti e questa è anche la sua forza. Deve essere l’altro attaccante ad adattarsi a ciò che lui Sì. A volte lo hanno fatto bene e in effetti abbiamo sparato molto in porta stasera, ma in una partita come questa non abbiamo avuto malizia per finire meglio, che hanno trovato invece. Se è troppo ricercato dai compagni? È inevitabile È un condizionamento psicologico che esiste. Il giocatore che risolve le tue situazioni è ricercato in modo persistente. Anche se a volte non è la soluzione migliore. Comunque sia molto motivato, ieri si sentiva bene e voleva giocare. Per questo motivo ha scelto di mandarlo sul campo “.

READ  Direzione Covid, "accuse infondate contro Conte e sei ministri": la Procura di Roma chiede di sporgere denunce contro il governo

L’attesa è ora tutto per ritorno del round di 16, ma per le scelte di allenamento è ancora presto: “Oggi abbiamo avuto 9 feriti a casa, quindi inevitabilmente ho qualche dubbio. Poi farò venire gli altri in base a chi ci sarà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *