Home / Artisti e gruppi / Coscienza di Zeno, La

Coscienza di Zeno, La

La Coscienza di Zeno - band

La Coscienza di Zeno (CDZ) è una formazione di stampo progressive nata nell’ottobre del 2007 a Genova. Nel luglio 2008 la band è formata da Gabriele “Estunno” Guidi Colombi al basso (Trama, Narrow Pass, Armalite, Il Tempio delle Clessidre, Hidebehind), Andrea Orlando alla batteria (Finisterre, Malombra, Real Dream), Alessio Calandriello nel ruolo di vocalist (Narrow Pass, Hidebehind, Lucid Dream) e Stefano Agnini alle tastiere. Proprio questa formazione registra il primo brano, “Parergon”, inserito in una raccolta della Mellow Records dedicata ai gruppi progressive esordienti della scena italiana.

La CDZ si prefissa, oltre all’usare uno stile musicale lontano dai cliché del rock moderno, l’obbiettivo di curare particolarmente i testi, portando la formazione (soprattutto Stefano, autore dei testi) alla ricerca di un linguaggio che, pur conservando i segni e le cifre stilistiche che caratterizzano la forma canzone pop, sia veicolo di significati ben delineati.

Nel settembre del 2008, dopo aver cercato a lungo un elemento proteso al discorso della CDZ, entra nella formazione il chitarrista Davide Serpico. Nell’agosto 2009 entra invece Andrea Lotti, per dedicarsi alle tastiere e occasionalmente alle chitarre, ampliando la gamma di suoni e di possibilità del gruppo.

Nel maggio del 2010 la band entra in contatto con l’Hilary Studio, decisa finalmente a registrare il primo album; e a giugno si comincia. Grazie all’ambiente più che produttivo la band riesce a fare ordine in questo complicato progetto. Il disco prevede infatti numerose collaborazioni con strumentisti ospiti: Luca Scherani alla fisarmonica; Joanne Roan al flauto; Lidia Molinari recita in due brani; Rox Villa, dello studio, si dedica all’arrangiamento degli archi in alcune tracce. La presenza di molti strumenti, anche all’interno del gruppo stesso, rendono il lavoro davvero complesso. Ma nel novembre dello stesso anno il disco è ormai concluso. Questo comprende sette brani: “Cronovisione”, “Gatto Lupesco”, “Nei cerchi del legno”, “Il fattore precipitante”, “Il Basilisco”, “Un insolito baratto alchemico”, “Acustica Felina”. Concluso l’album le strade di Stefano Agnini e della band si dividono, mantenendo i contatti solo per quanto riguarda la composizioni delle parti vocali.

Parallelamente all’album la CDZ lavora ad un brano degli Yes, “Homeworld”, destinato ad entrare a far parte del disco tributo (“Tales from the edge”) alla storica band, raccolta di numerosi brani prodotta dalla Mellow Records. Anche questo brano viene registrato, mixato e masterizzato dall’Hilary Studio.

Nel maggio 2011 il primo e omonimo album, “La Coscienza di Zeno”, vede la luce sotto l’etichetta Mellow Records. Nello stesso periodo la band lavora ad un brano per la futura raccolta dedicata al Decameron di Boccaccio, proposta da Musea Records. Successivamente la band rientra in studio per registrare un nuovo brano, “Colofonia”, questa volta ispirandosi all’opera di H.P. Lovecraft sempre per un progetto della Musea Records.

Nel marzo del 2012 Luca Scherani (Höstsonaten, Periplo, Trama) entra stabilmente nel gruppo. Nel febbraio del 2013, invece, la band firma con AltrOck/Fading Records, avviando le operazioni per la realizzazione del secondo album, “Sensitività”, che vede la luce il 10 giugno 2013.

Nell’ottobre del 2013 entra a far parte del gruppo il violinista Domenico Ingenito.

A cavallo tra 2013 e 2014 la band partecipa alla Convention Prog-résiste, al Veruno 2daysofprog+1 e alla Fiera Internazionale della Musica (FIM), dividendo il palco con Three Friends, Osanna, Alphataurus, Gianni Leone, Haken, Lazuli, The Watch, Gran Turismo Veloce.

Nella primavera del 2014 viene prodotta da Fading Records la ristampa del primo album omonimo, con un formato rinnovato e l’aggiunta di due bonus track: “Colofonia” e “Il paradiso degli altri”.

Il 31 gennaio 2015 la band pubblica il suo terzo album, “La notte anche di giorno“, un lavoro volto a rivisitare il meglio del Progressive Italiano degli anni ‘70. L’ensemble, allargato e arricchito, include un quartetto d’archi e ospiti illustri come Simona Angioloni (Höstsonaten, Aries…) e Joanne Roan (Höstsonaten). Le composizioni si articolano in due lunghe suite come in un vinile degli anni ‘70, due brani pieni di colori e combinazioni si sviluppano per oltre 20 minuti “per lato”.

Nel 2017 Davide Serpico abbandona la band e viene sostituito da Gianluca Origone.

Nel febbraio del 2018 la AMS Records pubblica “Il giro del cappio”, album dal vivo registrato il 28 febbraio 2016 in Olanda. “Il giro del cappio. Dal vivo 28.02.2016” consta di sette lunghe e articolate tracce per oltre settanta minuti di durata in cui, dalla musica classica all’hard rock, svariati generi si sovrappongono e intrecciano con disarmante e apparente semplicità. Quasi un terzo dell’album è occupato dalla suite “Giovane Figlia”, il “Lato A” de “La notte anche di giorno“; ben quattro sono gli estratti dall’omonimo esordio del 2011, mentre in apertura e chiusura del concerto trova spazio “Sensitività“, secondo lavoro del 2013. Un perfetto biglietto da visita quindi, che fotografa lo stato di perfetta salute di una band che ha saggiamente puntato sulla qualità della propria proposta piuttosto che sulla quantità.

Il 10 novembre 2018 la AMS Records pubblica il quarto lavoro in studio della band, “Una vita migliore”. L’album rappresenta un punto di svolta importante nella maturità musicale del gruppo e si propone come anello di congiunzione tra passato e futuro, senza per questo perdere il suo stile unico e assolutamente riconoscibile, sia per quanto riguarda la stesura dei testi che per la composizione musicale.

Per maggiori info: La Coscienza di Zeno | Facebook

Formazione:

Alessio Calandriello: voce

Gabriele Guidi Colombi: basso

Luca Scherani: pianoforte, synth analogici, Mellotron, fisarmonica, bouzouki

Andrea Orlando: batteria, percussioni

Stefano Agnini: testi, tastiere, synth analogici

Gianluca Origone: chitarre elettriche, chitarre acustiche, chitarre classiche

Ex membri:

Davide Serpico: chitarre elettriche, chitarre acustiche, chitarre classiche

Domenico Ingenito: violino

Collaboratori:

Andrea Lotti: tastiere, chitarre

Lidia Molinari: voce recitante

Joanne Roan: flauto

Sylvia Trabucco: violino

Melissa Del Lucchese: violoncello

Rox Villa: Mellotron, arrangiamento archi

Simona Angioloni : voce

Discografia:

2011 – La Coscienza di Zeno (Mellow Records)

2013 – Sensitività (AltrOck/Fading Records)

2015 – La notte anche di giorno (AltrOck/Fading Records)

2018 – Il giro del cappio. Dal vivo 28.02.2016 (AMS Records/BTF)

2018 – Una vita migliore (AMS Records/BTF)

Fotogallery

  • Coscienza di Zeno, La
  • Coscienza di Zeno, La
  • Coscienza di Zeno, La
  • Coscienza di Zeno, La
  • Coscienza di Zeno, La

Check Also

Visionoir

Visionoir

Visionoir è il nome che dal 1998 accompagna l’attività musicale del polistrumentista (fieramente auto-didatta) friulano …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *