Home / Recensioni / Pavlov’s Dog – Pampered Menial

Pavlov’s Dog – Pampered Menial

Pavlov's Dog (1975) Pampered MenialPAVLOV’S DOG

Pampered Menial (1974)

ABC Records/Columbia

Se c’è un gruppo che fin dagli anni ‘70 si è opposto con forza al consueto binomio “Progressive / Europa” quelli sono gli statunitensi Pavlov’s Dog. Nati nel 1972 a St. Louis, Missouri, i Pavlov’s Dog sono un originale settetto composto da: David Surkamp (voce, chitarra), ​​Steve Scorfina (chitarra solista), Mike Safron (batteria), Rick Stockton (basso), David Hamilton (tastiere), Doug Rayburn (Mellotron, flauto), e Siegfried Carver (violino, vitar, viola). Splendida eccezione che conferma la regola, la band americana si presenta con un’inedita strumentazione che vede la presenza di due tastiere, violino, viola e vitar (curioso ibrido tra violino e chitarra elettrica) e propone una bella miscela di progressive, hard rock e folk. Ciò che più colpisce, però, è la voce da brividi di Surkamp: androgina, acutissima e vibrata.

Il debutto discografico ufficiale della band risale al 4 aprile 1974 con Pampered Menial. L’album viene pubblicato prima dalla ABC Dunhill Records e subito dopo ristampato dalla Columbia Records. Il risultato è quello di vedere, tra il 1974 e il 1975, diverse versioni del disco, con relativa confusione del pubblico. L’album è prodotto da Sandy Pearlman e Murray Krugman (già a lavoro con gli Blue Öyster Cult).

Ad aprire l’album è la struggente Julia, una sofferta dichiarazione d’amore che emoziona e coinvolge sin dai primissimi istanti. Toccante la performance di Surkamp nel sottolineare con enfasi i passaggi più dolorosi. Il piano di Hamilton e il Mellotron di Rayburn acuiscono l’atmosfera malinconica del brano, mentre le dolci melodie di flauto e chitarra acustica provano ad attenuare la palpabile sofferenza. Ma l’apice emotivo del brano si raggiunge quando Surkamp grida il nome dell’amata in un acutissimo urlo colmo di dolore misto a disperazione e commozione. Impossibile rimanere indifferenti ad una così accorata dichiarazione (chi non ha avuto una “Julia” tra i propri amori?!).

Sulle stesse linee si muove la successiva Late November, traccia caratterizzata però da una più marcata struttura ritmica e da soluzioni più hard. Ancora tastiere e Mellotron in grande evidenza, a cui si aggiungono gli ottimi contributi di Scorfina alla chitarra e di Safron alla batteria. Surkamp ovviamente ci mette del suo e i risultati si sentono!

Con Song Dance viene fuori l’anima più hard rock dei Pavlov’s Dog. Il brano è aperto da una intro epica e maestosa: Scorfina detta l’andatura con robusti riff, seguiti dalle velenose incursioni degli archi di Carver e sottolineati dalla ritmica di Safron e Stockton. Stacchi vivaci e variazioni giocose mettono in evidenza soprattutto il sinistro violino di Carver che, con soluzioni ritmiche analoghe a quelle di Karrer degli Amon Düül II, fa passare in secondo piano il curioso duetto tra la chitarra elettrica di Scorfina e il Mellotron crimsoniano di Rayburn. Surkamp per l’occasione sfodera il lato più aggressivo della sua particolarissima voce (paragonabile per timbrica a quelle di Geddy Lee e Bernardo Lanzetti).

Fast Gun attenua le velleità hard di Song Dance a favore di atmosfere più toccanti e melodiche. La chitarra assume un ruolo più marginale mentre ritornano tastiere e Mellotron. Carver, nuovamente protagonista, descrive il tema principale con i suoi archi e, sporadicamente, si avventura in vere e proprie sfuriate ritmiche. Eccellente anche l’apporto della sezione ritmica, soprattutto il drumming di Safron.

Natchez Trace risulta, forse per la sua palese vena rock’n’roll, brano corale, trascinante e vivace. Gli organi vintage e il piano di Hamilton sono forse una spanna sopra gli altri. A tratti sembra di ascoltare i Deep Purple di “Burn”, con la splendida ugola di Surkamp che in materia di vocalizzi supera quella di Glenn Hughes.

Theme From Subway Sue è senza dubbio il brano più “americano” dell’album, in cui le asprezze rock vengono arricchite da venature folk. Il piano di Hamilton e soprattutto la chitarra di Scorfina sono i veri artefici di queste soluzioni, mentre ancora una volta Surkamp dà prova delle sue invidiabili doti vocali.

Il violino di Carver introduce Episode, brano strutturato in modo da offrire a Surkamp una stratificata base sonora su cui innalzare il suo inarrivabile canto. Melodie malinconiche e dolorose sembrano fungere da trait d’union tra i brani che compongono Pampered Menial, e in ciò concorre anche l’originale strumentazione e il talento personale dei singoli componenti della band.

Preludin è un brevissimo intermezzo strumentale che evidenzia un ipotetico legame con certo progressive barocco italiano e che apre alla conclusiva Of Once And Future Kings, una mini suite con numerose variazioni tematiche. Le peculiarità progressive ci sono tutte, ma ciò che più si apprezza è l’originalità di una proposta musicale ricca e variegata.

Originale anche l’artwork composto dalle incisioni dell’artista inglese Sir Edwin Landseer (1802-1873), pittore noto per le dettagliate illustrazioni di animali. La raccolta di stampe dalla quale sono tratte le immagini di copertina appartiene alla Collezione Robert Vernon, pubblicata da D. Appleton & New York nel 1849, e di proprietà di Gwen Scorfina (la madre di Steve). La scelta ricade sull’opera intitolata “Low Life”, stampa che ritrae un meticcio dall’aspetto malandato, con una corporatura tarchiata, con torace robusto e zampe corte. L’animale, dall’aria impudente e compiaciuta, siede al sole con un’aria fiera che gli conferisce un aspetto regale malgrado il suo stato. Un’allegoria nemmeno tanto velata della band(?!).

Check Also

L'Ira del Baccano (2017) Paradox Hourglass

Ira Del Baccano, L’ – Paradox Hourglass

L’IRA DEL BACCANO Paradox Hourglass (2017) Subsound Records / Goodfellas / PHD / Code7 / …

2 comments

  1. Denis Di Nicolò

    Questo è davvero un grande disco,e il fatto che sia stato prodotto e pubblicato in America (nazione non certo avvezza al progressive rock!) è davvero una cosa molto curiosa! Questo disco di debutto dei Pavlov’s dog sprigiona romanticismo e raffinatezza da tutti i pori (splendidi i passaggi di mellotron e pianoforte), non disdegnando però arrangiamenti più duri e aggressivi. Le mie preferite sono Julia,Late November,Song Dance,e Theme From Subway Sue,ma non sono da meno neanche le altre. Davvero impressionante la voce di Surkamp che ,oltre a possedere un’estensione vocale impressionante,riesce anche ad essere particolarmente espressiva (anche se forse non è propriamente un genere di voce adatta a tutti gli orecchi…). Come al solito ottima la vostra recensione!

  2. Come sempre concordiamo! 😉
    Grazie Denis

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *