Home / Artisti e gruppi / Prowlers

Prowlers

Prowlers - band 2014

Prowlers è una band di rock progressivo e psichedelico italiana, fondata nel 1985 da Laura Mombrini (voce), Gianni Radici (chitarra), Roberto Biglioli (percussioni), Fabio Dehò (basso) e Alfio Costa (tastiere). All’inizio la musica del gruppo era influenzata dal blues-rock, hard rock e dai primi Pink Floyd (quelli dell’era Syd Barrett).

Nel 1989, dopo molti concerti nel nord Italia, registrarono il loro primo demo col nuovo batterista Giovanni Vezzoli. Dopo qualche anno, con i nuovi entrati Stefano Piazzi (chitarre) e Marco Premoli (basso), la band registra, con un vecchio e malandato registratore “ottotracce” della Fostex, un demo tape intitolato “Morgana”. Ne stampano 300 copie sottoforma di musicassetta e nel giro di poco vengono tutte vendute. Questo fu il loro primo lavoro progressivo e psichedelico (in realtà solo un demo tape), che venne pubblicato dall’etichetta italiana Mellow Records nel 1994 come primo album ufficiale dei Prowlers. “Morgana” ebbe un grosso successo nel “mondo new prog” e vennero vendute tutte le copie realizzate (anche se la qualità della registrazione non era troppo buona).

Nel 1994 Flavio Costa, fratello minore di Alfio (Daal, Tilion, Colossus Project, Fufluns), entra nella band e con due chitarristi Prowlers registrano “Mother and Fairy”, un album doppio interamente registrato in studio, mixato da Ciro Perrino (Il Sistema, Celeste etc.) negli studi della Mellow Records. La musica di questo secondo album era decisamente più prog di “Morgana”, con lunghi brani ricchi di duelli di tastiere e chitarre a fare da cornice alla bella voce di Laura.

Nel 1995 Stefano Piazzi e Marco Premoli lasciano la band e Alan Ghirardelli, un giovane bassista amico di Flavio, si unisce alla band. In questo periodo Alfio inizia a scrivere una colossale suite rock avente come soggetto la storia della band, influenzato dal progressive italiano degli anni settanta, in particolare da The Trip, Osanna, Goblin, Balletto di Bronzo e PFM. Nel 1995 la Mellow iniziò a produrre una serie di tributi ai grandi nomi del progressive mondiale: Gentle Giant, Van der Graaf Generator, Camel. I Prowlers parteciparono con “First Light” al tributo ai Camel e con “Ultima Ora / Ode a Jimi Hendrix” dei The Trip al “Zarathustra Revenge”, il tributo discografico al progressive italiano degli anni settanta.

Nel 1996 i Prowlers parteciparono ad alcuni importanti festival prog tra i quali il primo Vigevano Prog Fest (Camelot Day) e il Trento Greem Pop Festival.

Nel 1997, dopo tre anni di duro lavoro, la band entra nei Sonica Studios a Rovereto di Marco Olivotto, per registrare “Sweet Metamorfosi”, quello che ad oggi è considerato il miglior lavoro della band: una suite rock di sessanta minuti ricca di cambi di tempo e di atmosfere.

Nonostante l’ottima riuscita dell’album, nel 1998 Alan Ghirardelli lascia la band e Roberto “Bobo” Aiolfi diventa il nuovo bassista. In questo periodo i Prowlers registrano “The Sage” per il tributo discografico ad E.L.P. e iniziano il “Sweet Metamorfosi Tour”, ma dopo alcuni concerti Laura Mombrini e Giovanni Vezzoli lasciano la band, che si scioglie definitivamente.

Dopo aver dato vita alla prog band Tilion e aver collaborato con molti artisti del settore, Alfio nel 2009 contatta Laura e i due si ritrovano a scrivere musica insieme. Ne nasce un nuovo album dei Prowlers, “Sogni in una goccia di Cristallo” che viene pubblicato nel 2010 ancora dall’etichetta Mellow Records.

Nel 2012 la band suona dal vivo l’album in un teatro, insieme ai brani migliori dei lavori passati. Alla serata partecipa il grande musicista Vincenzo Zitello, arpista di fama internazionale. Dal concerto viene realizzato il disco dal vivo “Prowlerslive”, pubblicato nel 2013. Sempre nel 2013 l’etichetta milanese AMS realizza un tributo ai Pink Floyd col meglio della scena progressiva italiana. I Prowlers partecipano col brano “Set the controls for the heart of the sun”. Nello stesso anno la band è di nuovo in studio per la realizzazione dell’album “Mondi Nuovi”, pubblicato il 31 gennaio del 2014. In una recente intervista Alfio ha dichiarato: “Siamo tornati insieme perché siamo prima di tutto amici e abbiamo ancora voglia di suonare la nostra musica strana”.

Il 29 luglio 2014 Giovanni “Giana” Vezzoli lascia i Prowlers per dedicarsi alla sua vita privata e alle sue passioni personali. Il 24 settembre dello stesso anno viene annunciato l’ingresso nella band del batterista Marco Freddi.

Per maggiori info: www.facebook.com/prowlersprog

Formazione:

Laura Mombrini: voce, cori

Roberto “Bobo” Aiolfi: basso elettrico, basso acustico

Alfio Costa: Hammond, Fender Rhodes, Minimoog, piano, Mellotron, synth

Stefano Piazzi: chitarre, cori

Marco Freddi: batteria

Ex membri ed ospiti:

Giovanni “Giana” Vezzoli: batteria, percussioni, cori (1989-2014)

Flavio Costa: chitarre (1994)

Alan Ghirardelli: basso, cori (1995-1998)

Marco Premoli: basso (1990-1994)

Gianni Radici: chitarre (1985-1989)

Fabio Dehò: basso (1985-1989)

Guido Finazzi: chitarre (1990)

Roberto Biglioli: batteria (1985-1986)

Discografia:

1994 – Morgana (Mellow Records)

1994 – Mother and Fairy (Mellow Records)

1997 – Sweet Metamorfosi

2010 – Sogni in una goccia di Cristallo (Mellow Records)

2013 – Prowlerslive

2014 – Mondi Nuovi (Agla Records)

Fotogallery

  • Prowlers
  • Prowlers
  • Prowlers
  • Prowlers
  • Prowlers
  • Prowlers

Check Also

Quartech - band 2017

Quartech

I Quartech nascono a Roma nel dicembre 2010 da un’idea di Francesco Bianchi (tastierista/compositore). Grazie …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *