Home / L'artista racconta / “Rinunci a Satana?” – Il making of dell’esordio discografico dei Rinunci a Satana?

“Rinunci a Satana?” – Il making of dell’esordio discografico dei Rinunci a Satana?

“Rinunci a Satana” – Il making of dell’esordio discografico dei Rinunci a SatanaL’idea era dare forma a tutta una serie di materiale che avevo accumulato nel corso di svariato tempo. Riffs, hooks e licks troppo bluesy, movimentati e caciaroni per poter essere utilizzati nel Babau e i maledetti cretini. Coinvolgere Marco mi è parso quanto di più logico potessi pensare. Il suo modo di menare i tamburi nella Fuzz Orchestra ne faceva la persona adatta a creare il drumming ideale per una hard-rock band di matrice ’70s.

L’intesa musicale è stata da subito immediata proficua e ispirata. In poco tempo ci è parsa scontata la formazione a due, agile e compatta. Entrambi non abbiamo buone voci di conseguenza niente cantato.

Nel giro di sei mesi siamo riusciti a elaborare abbastanza materiale per i primi sporadici live. In ottobre ’13, Fabio Intraina, proprietario-fonico del Trai Studio di Inzago (MI) e ormai “storica” figura per numerosi gruppi underground dell’hinterland milanese, interessato alla nuova creatura, si è offerto di diventare di fatto produttore artistico ed esecutivo del primo album dei RaS?.

L’opportunità, insperata e ghiotta, anticipava le nostre intenzioni, eticamente eravamo, inoltre, concordi nel registrare in diretta il più possibile e così abbiamo fatto. Il coinvolgimento in tre brani di Lorenzo Trentin e la sua armonica, completa il quadro degli addetti ai lavori in studio. Le sessioni sono state frazionate (per non gravare ulteriormente sulle tasche di Fabio abbiamo utilizzato i “ritagli di tempo” dello studio) in un arco di dieci mesi. Complessivamente abbiamo impiegato tre giorni per le incisioni e tre per il mixaggio. Maurizio Giannotti al Newmastering Studio, chiude il master dell’album ai primi di ottobre ’14. L’efficace e azzeccata grafica, dettagli rubati alla pala d’altare di Issenheim di Grünewald, è stata pensata e realizzata da Fabio “Fié” Ferrario, eclettico citazionista-rumorista della Fuzz Orchestra. La foto interna, realizzata sulla “via vicinale dell’Inferno” di Vignate (MI) è opera di Andrea Bordoni, fotografo e bassista degli Psicotaxi.

L’album, licenziato nel settembre ’15, ha trovato l’appoggio di: Il Verso del cinghiale Records di Alberto “Pirti” Messaggi, Wallace Records di Mirko Spino e di E io pago Records, ovvero l’etichetta di tutti i gruppi che si autofinanziano.

Damiano Casanova, gennaio 2016

Rinunci a Satana?: è un power duo del milanese nato nel febbraio 2013 dalla commistione tra: Damiano Casanova (Il Babau e i maledetti cretini) chitarra e Marco Mazzoldi (Fuzz Orchestra e Bron y Aur) batteria. Suona un hard/heavy-rock strumentale scheletrico, datato e demodé. Con piedi ben saldi nelle paludi del folk-blues e testa per aria, a ciondolare nell’etere della psichedelia e del progressive.

Check Also

Tale of a dark fate – La genesi del nuovo album de L’albero del Veleno

Tale of a dark fate – La genesi del nuovo album de L’Albero del Veleno

Premessa L’albero Del Veleno è un progetto che nasce nel 2010 con lo scopo di …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *