Home / Artisti e gruppi / Røsenkreütz

Røsenkreütz

Røsenkreütz - band

Røsenkreütz nasce come progetto solista di Fabio Serra e prende forma nel corso di un lungo periodo coinvolgendo alcuni amici per andare a formare poi quella che è la line-up attuale.

Fabio, polistrumentista e produttore, è attivo da più di 25 anni lavorando in studi di registrazione, ma non ha mai dimenticato le sue origini musicali e il suo amore per il progressive rock di matrice britannica. Ha iniziato la sua carriera come chitarrista in alcune band locali; tra cui gli Arlequin (che realizzarono un demo tape nei primi anni ’80 nel pieno del periodo di rinascita new prog) e poi, tra il 1990 e il 1993, gli Yellow Plastic Shoobedoo (tribute band in tempi non sospetti dedita al repertorio Genesis ’70/’75), entrambe le formazioni edificate con il tastierista Alberto Bonomi, poi con i D.F.A.; approdando poi al lavoro in studio di registrazione come produttore/fonico e autore/arrangiatore dal 1989 a tutt’oggi.

Il progetto Røsenkreütz nasce da un paio di brani facenti parte, nella loro versione embrionale, di un disco pensato con Alex Brunori (cantante dei romani Leviathan, due dischi su Musea negli anni ‘90) poi non realizzato per difficoltà “geografiche” in era pre-internet. A distanza di anni i provini sono sembrati ancora interessanti e, uniti alla voglia di fare qualcosa di più “vero” e vicino alla propria anima musicale, Fabio decide di svilupparli e completarli in un vero e proprio album, senza limitazioni creative e condizionamenti commerciali.

Vengono quindi realizzate delle nuove stesure dei primi due brani, programmando tutte le parti di batteria e scrivendo melodie e testi completamente nuovi. Al progetto si aggiungono due cari amici: Gianni Brunelli (batterista di estrazione jazz-funky attivo da molti anni sulla scena veronese) e Gianni Sabbioni (eccellente bassista con un curriculum ampio e variegato), che portano grande entusiasmo e talento.

Le prime registrazioni “ufficiali” risalgono all’estate 2006, poi nel corso degli anni, vengono scritti e registrati in tempi diversi gli altri cinque brani.

Per il fondamentale ruolo della voce solista viene coinvolto Max Piubelli, cantante dei Methodica, dei quali Fabio aveva prodotto l’album di esordio “Searching for Reflections” uscito nel 2009 per Underground Symphony.

Il disco viene poi completato anche grazie ad altri ospiti come Angela Merlin alla voce, Carlo Soliman al pianoforte (e come tastierista live), Luca Nardon alle percussioni, Gabriele Amadei al violino e Cristiano Roversi (Moongarden, Mangala Vallis) allo stick e, finalmente, chiuso e masterizzato da Stefano Cappelli negli studi Creative Mastering di Forlì.

La parte grafica del booklet, viene impreziosita dalle suggestive immagini di Alfredo Montresor.

La band, pur nascendo come studio project si propone di portare nel prossimo futuro “Back to the stars” anche dal vivo.

Naturalmente la mente di Fabio è sempre in movimento e sono in fase di scrittura le prime idee di un possibile secondo lavoro che si preannuncia probabilmente un concept senza preclusioni stilistiche.

Per maggiori info: www.rosenkreutz.net | www.facebook.com/rosenkreutzband

Discografia:

2014 – Back to the stars (Opal Arts/Andromeda Relix)

Formazione:

Fabio Serra: chitarre, tastiere, cori

Gianni Brunelli: batteria, percussioni

Gianni Sabbioni: basso

Massimo Piubelli: voce, cori

Collaboratori:

Angela Merlin: voce

Carlo Soliman: pianoforte

Gabriele Amadei: violino

Luca Nardon: percussioni

Cristiano Roversi: Chapman stick

Fotogallery

  • Røsenkreütz

Check Also

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Faust & Malchut Orchestra / Fausto Bisantis

Faust & Malchut Orchestra è la band che dal 2012, porta in scena il repertorio …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *