Home / Recensioni / Tusmørke – Offerpresten

Tusmørke – Offerpresten

Tusmørke (2013) OfferprestenTUSMØRKE

Offerpresten (2013, 7″ EP)

Duplicate Records

Il 13 dicembre 2013 la Duplicate Records pubblica Offerpresten, il nuovo EP dei norvegesi Tusmørke. La band, nota per il suo progressive rock esoterico, comprende: Benediktator (basso, voce), Krizla (flauto, voce), Marxo Solinas (tastiere, organi), HlewagastiR (batteria). Negli ultimi anni la band ha raggiunto un discreto successo, dapprima con il suo debut album “Underjordisk Tusmørke” e successivamente con la pubblicazione del 12” “Den Internasjonale Bronsealderen”, grazie anche agli impressionanti spettacoli dal vivo.

Offerpresten è un dichiarato omaggio alle band di prog occulto degli anni ’70 (Black Widow e Aphrodite’s Child su tutte). Il brano presenta diverse analogie con “Fimbul” (l’opener di “Underjordisk Tusmørke”) che vanno ben oltre il mero dato musicale, concentrandosi sugli immancabili richiami alle divinità e ai rituali pagani, alla mitologia nordica e all’elemento naturale. Offerpresten è la classica ballata in stile Tusmørke, dominata come sempre dalle melodie del flauto di Krizla e dal ruvido Rickenbacker 4001 di Benediktator. Sempre misurato e preciso il drumming di HlewagastiR, mentre giocano un ruolo fondamentale le tastiere e gli organi di Solinas, capaci di alternarsi alle parentesi più cupe con vivaci ed insolite aperture sinfoniche. Non mancano, inoltre, gli inquietanti cori da rituale, qui ancor più irrigiditi dalle asperità fonetiche della lingua madre, e un manifesto omaggio a “Come To The Sabbath”, inno tribale dei Black Widow. Tra i principali meriti che vanno riconosciuti ai Tusmørke vi sono quelli di risultare dannatamente autentici e credibili tanto nelle loro scelte musicali, quanto nella totale identificazione con la cultura, la tradizione e il folklore scandinavi. Ve n’è prova proprio nell’originale videoclip realizzato per Offerpresten, scritto e diretto da Benediktator, registrato da Rune Michaelsen e Martin Furan Furan e curato da Rune Michaelsen. Nel video l’eterea e prosperosa figura di Nerthus – divinità del paganesimo germanico associata alla fertilità, simbolo della Madre Terra (qui impersonata da Mari Sletten) –  si aggira in un assolato bosco, circondata da due spiriti danzanti (Tonje Stabell e Kristine Halmrast). Ad attenderla ci sono i quattro membri della band, nel classico look druidico, prescelti dalla dea con un semplice gesto della mano. Mentre i due spiriti cospargono del sangue sulla vegetazione circostante, i quattro musici prendono in spalla la dea, seduta su un carro cerimoniale, dando di fatto inizio ad una processione che attraversa tutta la città per terminare sulla riva di uno specchio d’acqua, dove avviene il sacrificio dei Tusmørke e la rinascita di Nerthus, che riemerge dalle acque. Sulle stesse coordinate si muove anche il brano del lato B, Mener Vi Alvor na?, che si addentra ancor più nelle atmosfere inquiete da rituale oscuro.

Il vinile, pubblicato in una tiratura di 500 copie, presenta una curiosissima immagine di copertina (curata dal fotografo norvegese Terje Skår) che ripropone gli scenari rappresentati nel videoclip.

Per maggiori info: http://tusmoerke.wordpress.com

Per acquistare copia: http://duplicaterecords.bigcartel.com/product/tusmrke-offerpresten-7-ep-preorder

Check Also

L'Ira del Baccano (2017) Paradox Hourglass

Ira Del Baccano, L’ – Paradox Hourglass

L’IRA DEL BACCANO Paradox Hourglass (2017) Subsound Records / Goodfellas / PHD / Code7 / …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *