Home / Artisti e gruppi / Tusmørke

Tusmørke

Tusmørke - band 2013

La nascita dei norvegesi Tusmørke risale alla metà degli anni novanta – periodo di grande fermento per la scena progressiva scandinava – e precisamente al 1994, a Skien, quando i gemelli Bendik e Kristoffer Momrak danno vita ad un side-project di Captain Cumulonimbus & His Wondrous Cloudship, i Tusmørke. Con l’ingresso di Andy Handy-with-a-Knife il gruppo vira verso sonorità più elettriche, tanto da cambiare il proprio nome in Elektrisk Tusmørke. Ben presto, però, la band cambia nuovamente nome in Les Fleurs du Mal, dedicandosi al progressive rock e registrando una demo con un brano di 17 minuti, “Ode on Dawn”. La band, che vede la partecipazione del futuro vocalist dei Wobbler, Andreas Prestmo, condivide i palcoscenici con diversi gruppi tra i quali i White Willow.

Il progetto continua ad evolversi fino al 2009, anno in cui avviene la definitiva metamorfosi in Tusmørke. Il gruppo vede Krizla (flauto, voce, percussioni), Benediktator (basso, voce, chitarra, percussioni), Svenno (percussioni) e Reggie (tastiere).

Il suono delicato de Les Fleurs du Mal si incupisce, diventando più scuro e primordiale. Ad influire è soprattutto il ricco immaginario del folklore scandinavo, al quale si aggiungono rituali pagani, danze macabre, misticismo e magia volti ad evocare spiriti malvagi. I Tusmørke assorbono le atmosfere della loro magica terra e le tramutano in musica. Il loro look druidico non è una bizzarria estetica, ma il simbolo del reale attaccamento alle tradizioni e alla cultura della propria terra. Anche l’elemento naturale ha un suo peso, come pure le influenze di personaggi del calibro di Aleister Crowley e Lewis Carroll, o ancora il legame con l’età del bronzo o l’arrivo di una imminente apocalisse.

La loro musica è un miscuglio fatto di progressive, folk e rock psichedelico, che presenta le (dichiarate) influenze di band come: Black Widow, Black Sabbath, Syd Barrett, Incredible String Band, Magma, Amon Düül II, Comus, Can, Faust, Dark e molti altri.

In seguito Svenno e Reggie vengono sostituiti rispettivamente da HlewagastiR (batteria, percussioni) e Deadly Nightshade (tastiere, mellotron, rhodes, piano, spinetta).

Con la formazione così assestata, i Tusmørke pubblicano un EP, “Salomonsens Hage”, nell’aprile del 2012, seguito da “Underjordisk Tusmørke”, primo album della band pubblicato il 9 novembre dello stesso anno.

Il 10 maggio 2013 viene pubblicato “Den Internasjonale Bronsealderen“, un 12” che rende omaggio all’Età del Bronzo, agli antichi riti di sepoltura e di stregoneria, alle rivelazioni mistiche dell’Egitto dei faraoni, alla cultura nordica e a molto altro. Due brani che fondono le influenze della musica popolare europea con la tradizione musicale mediorientale, con un occhio di riguardo per le soluzioni psichedeliche, progressive e kraute di band come Black Widow, Høst, Comus, Brainticket e Can. Il 13 dicembre dello stesso anno la band pubblica per la Duplicate Records un 7″, “Offerpresten“, che vede la presenza di Marxo Solinas alle tastiere.

Il 16 maggio 2014 la band pubblica per la Svart Records “Riset Bak Speilet” (“La Betulla dietro lo Specchio”), secondo album in studio composto da cinque tracce, tra le quali “Offerpresten” e la title-track (che contiene alcuni riferimenti al Pifferaio di Hamelin!).

Il 1° maggio 2015 viene pubblicato “Elektriske Skrekkøgler og Forhistoriske Framtidsfabler”, split prodotto dalla Duplicate Records che vede l’esclusiva collaborazione di due progetti norvegesi: i Tusmørke, menestrelli di prog occulto, e gli Spectral Haze, sciamani spaziali, in un rituale di circa 41 minuti di durata. In copertina il 12″ gatefold presenta una favolosa illustrazione appositamente commissionata al leggendario artista norvegese Thore Hansen.

Il 21 ottobre 2015 DreymimaðR (ghironda) diventa ufficialmente un membro dei Tusmørke.

Il 18 marzo 2016 la Svart Records pubblica “Ført Bak Lyset”, terzo album in studio della band. I signori del dark folk psichedelico scandinavo esplorano l’antico folklore di Oslo andando a cercare l’ispirazione nei paesaggi naturali norvegesi e nelle fiabe popolari di Peter Christen Asbjørnsen e Jørgen Moe.

Il 12 maggio 2017, sempre a cura della Svart Records, viene pubblicato “Hinsides”, quarto album in studio caratterizzato da un suono molto caldo e fuzzy, brillantemente sorretto da ritmi folk e arrangiamenti vocali adeguati. Nella miscela di rock psichedelico ed elementi progressivi rivive ancora una volta l’affascinante atmosfera degli anni ’60 e ’70.

Il 10 novembre 2017 la Karisma Records pubblica “Bydyra”, quinto album in studio dei Tusmørke. L’opera risulta assai diversa dalle precedenti produzioni ed è il primo lavoro scritto in modo specifico per e con i bambini. “Bydyra”, infatti, contiene quindici tracce che vanno a comporre due originali mini musical scritti appositamente per i bambini di una scuola di Oslo. È un lavoro unico che esplora i soggetti della fauna selvatica urbana, i prezzi sconvolgenti degli alloggi a Oslo, la crisi finanziaria, i problemi sociali, il riscaldamento globale e la magia buona e cattiva. In “Bydyra” i norvegesi riescono a mescolare la loro esperienza in ambito prog rock con una notevole dose di umorismo per creare un album apprezzato sia dai bambini, incantati dai personaggi e dalle loro avventure, che dagli adulti, con la sua miscela di rock psichedelico ed elementi progressivi. È un viaggio pieno di creature magiche che servono a coinvolgere ed educare allo stesso tempo. L’originale e fiabesco artwork è a cura del leggendario artista norvegese Thore Hansen. “Bydyra” viene anticipato da due singoli: “Trefar” e “Rottekongen”.

Per maggiori info: Facebook | Tusmørke

Formazione:

Benediktator (Benedikt Momrak): basso, voce, chitarra, percussioni (Momrakattakk, Lydia Laska)

Krizla (Kristoffer Momrak): flauto, voce, percussioni, elettronica (Momrakattakk)

HlewagastiR (Martin Nordrum Kneppen): batteria, percussioni (Wobbler, Angst Skvadron)

Marxo Solinas (Lars Fredrik Frøislie): tastiere (Wobbler)

 

Ex membri e collaboratori:

DreymimaðR: ghironda

Deadly Nightshade: tastiere, Mellotron, Rhodes, piano, Spinetta (Årabrot, This is Music Inc.)

Svenno: percussioni

Reggie: tastiere

Andreas Prestmo: voce (Wobbler)

 

Discografia:

2012 – Salomonsens Hage / Singers & Swallows (7″, Freshtea, Freshtea 002)

2012 – Underjordisk Tusmørke (Termo Records, TERMO 011)

2013 – Den Internasjonale Bronsealderen (12″, Freshtea, Freshtea008)

2013 – Offerpresten (7″, Duplicate Records, Duplo 46)

2014 – Riset Bak Speilet (Svart Records, SVR270)

2014 – Salomonsens Hage / Singers & Swallows (7″, De Sjeldent Pene, DSP001)

2014 – Den Internasjonale Bronsealderen (12″, De Sjeldent Pene, DSP002)

2015 – Elektriske Skrekkøgler og Forhistoriske Framtidsfabler (12″ con Spectral Haze, Duplicate Records)

2016 – Ført Bak Lyset (Svart Records)

2017 – Hinsides (Svart Records)

2017 – Trefar (singolo, Karisma Records)

2017 – Rottekongen (singolo, Karisma Records)

2017 – Bydyra (Karisma Records)

Fotogallery

  • Tusmørke
  • Tusmørke
  • Tusmørke
  • Tusmørke
  • Tusmørke
  • Tusmørke
  • Tusmørke
  • Tusmørke
  • Tusmørke
  • Tusmørke
  • Tusmørke
  • Tusmørke
  • Tusmørke

Check Also

Paidarion - band 2016

Paidarion

Paidarion è un progetto nato nel marzo 2006 dall’incontro tra Kimmo Pörsti (The Samurai of …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *