Home / News / 26 anni di “Clutching At Straws”

26 anni di “Clutching At Straws”

Marillion - Clutching At Straws

Il 22 giugno 1987 i Marillion pubblicano il loro quarto album in studio, Clutching At Straws, che è anche l’ultimo lavoro di Fish con la band prima di dedicarsi alla carriera solista.

Già il titolo dell’album (che in inglese suona come “arrampicarsi sugli specchi”) delinea la generale idea di un concept il cui personaggio principale è Torch (l’uomo raffigurato in primo piano nell’immagine di copertina con al fianco gli abiti dismessi da Jester), un ventinovenne disoccupato la cui vita è allo sbando totale. L’uomo, con un matrimonio fallito alle spalle, la convinzione di essere un cattivo padre e fortemente scoraggiato dall’insuccesso commerciale come cantante di un gruppo musicale, cerca senza successo conforto nell’alcol. Torch finisce con l’ubriacarsi miseramente nei bar, nelle camere d’albergo ed in strada, senza riuscire a trovare la via del riscatto.

Come sempre Fish impronta i suoi testi su vicende di chiara natura autobiografica. Il malessere di Torch è lo stesso che attanaglia Fish, sempre più immerso nei suoi problemi con l’alcol. Sofferenze vissute in prima persona e dalle quali il cantante non riesce a sottrarsi, avvalorando in un certo qual modo la curiosa formula del titolo.

Ad impreziosire l’album concorrono la raffinata tecnica chitarristica e i maestosi soli di Rothery (“Hotel Hobbies”, “Slainte Mhath”, “Going Under”, “Just For The Record”), le melodie di Kelly (“Slainte Mhath”, “That Time Of The Night (The short straw)”, “Just For The Record”, ecc.) e il pulsante basso di Trewavas (“That Time Of The Night (The short straw)”). “Incommunicado” e “Just For The Record” sono brani dall’impatto più immediato, “Sugar Mice” invece è un pezzo delicato ed atmosferico, mentre l’ultimo rabbioso ruggito di Fish con i Marillion va in scena con “White Russian” (una dura invettiva contro il fenomeno del neonazismo).

http://youtu.be/je15a0_6P8U

About Antonio Menichella

Antonio Menichella
Ideatore, membro fondatore e redattore di HamelinProg.com, è docente di disegno e storia dell'arte, artista visivo e grafico. Appassionato di rock psichedelico, acid rock, stoner, desert rock, neopsichedelia, progressive rock, rock progressivo italiano, space rock, krautrock, zeuhl, scuola di Canterbury, avant-prog, rock sinfonico, jazz rock, prog folk, prog metal, neoprogressive, hard rock, post-rock, musica sperimentale e molto altro.

Check Also

The Killing Fields – In arrivo il Box Set di Mike Oldfield

In arrivo il Box Set in edizione deluxe e limitata di The Killing Fields, colonna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *