Alexei Navalny, l'avversario di Putin è tra la vita e la morte: ipotesi di avvelenamento. Francia e Germania: "Disposti a offrire cure e asilo"

Alexei Navalny, l’avversario di Putin è tra la vita e la morte: ipotesi di avvelenamento. Francia e Germania: “Disposti a offrire cure e asilo”

Pochi minuti dopo il decollo, un uomo in volo da Tomsk, una città della Siberia, a Mosca inizia a gridare. Quell’uomo è Alexei Navalny, Principale oppositore di Putin in Russia, già vittima di attentati, incarcerazioni e avvelenamenti in carcere negli ultimi anni. Il pilota è costretto ad effettuare un atterraggio di emergenza per consentire l’intervento dei medici che lo portano al reparto di terapia intensiva per pazienti tossicologici dell’ospedale di emergenza n. 1 di Tomsk. L’ipotesi è quella dell’avvelenamento con i medici che adesso “lottano per salvargli la vita”, come specificato dal vicedirettore dell’ospedale Anatoly Kalinichenko, con il ministero della Salute che ha confermato le condizioni dell’avversario: “È in coma, in condizioni gravi ma stabili”. Francia e Germania si sono offerti di curarlo nei loro ospedali e di dargli asilo politico.

Il suo portavoce, Kira Yarmysh, dice “Alexei era avvelenato con qualcosa mescolato nel suo tè. Quella era l’unica cosa che beveva la mattina “, ha aggiunto. Inoltre, aggiunge, “i Medici dicono che il veleno è stato rapidamente assorbito dal liquido caldoAnche se la conferma arriverà solo dopo i risultati delle analisi.

Un portavoce di S7 Airlines, la compagnia che possiede l’aereo su cui viaggiava Navalny, ha detto al Tass che l’uomo “non ha mangiato né bevuto nulla durante il volo da Tomsk un’ Mosca“. Ma” La salute di Navalny è peggiorata drasticamente subito dopo il decollo. Alexei non ha mangiato né bevuto a bordo dell’aereo “, ha assicurato il portavoce. La risposta al mistero potrebbe arrivare dal profilo instagram del DJ di Tomsk Pavel Lebedev: l’uomo, in attesa di salire a bordo dello stesso volo dell’avversario, ha scattato una foto a Navalny alle caffè Vienna dell’aeroporto che ne detiene uno tazza rossa con le parole “Buongiorno Aleksei”. Una volta salito sullo stesso aereo, Lebedev ha poi pubblicato un’altra storia su Instagram che mostra il momento in cui Navalny viene salvato.

READ  "Poche sanzioni, Italia a rischio Quindi arriviamo a 4mila casi al giorno"

Il Cremlino desiderava un “recupero rapido” al leader dell’opposizione e ha assicurato che aindagine se l’avvelenamento sarà confermato. Il portavoce Dmitry Peskov parlando ai giornalisti, ha affermato che “in primo luogo dobbiamo attendere i risultati finali degli esami che aiuteranno i medici a stabilire le cause. Dopodiché, se si tratta di avvelenamento, ci sarà un’indagine ”, ha detto, sottolineando che i medici e le autorità russe trattano tutti i cittadini russi allo stesso modo.

La presidenza rende inoltre noto che è disponibile per un eventuale trasferimento dell’avversario ad uno struttura sanitaria all’estero dovrebbe essere richiesto. “Certo, se viene presentata una richiesta al Cremlino o al Ministero della Salute o ad un’altra agenzia. Molti cittadini russi si recano all’estero per cure mediche in questo periodo anche se le frontiere sono chiuse – ha detto Peskov – Saremmo pronti a sostenere il processo se ci fosse una richiesta in tal senso “.

E la richiesta è arrivata. I collaboratori di Navalny hanno comunicato alla presidenza russa la loro disponibilità a trasferire l’uomo all’estero per cure, come annunciato dal suo medico personale Anastasia Vasilieva, citato dal sito di notizie Medusa. In questo momento, il medico, che non ha ancora potuto vedere la sua paziente, sta cercando di ottenere la documentazione necessaria per il trasferimento di Navalny dall’ospedale di Omsk.

Le prime a offrirsi per ospitare l’avversario russo sono state Francia e Germania. Lo ha assicurato il cancelliere tedesco Angela Merkel visitando la residenza estiva del presidente francese Emmanuel Macron. “Siamo pronti a fornire ad Alexei Navalny e alla sua famiglia tutta l’assistenza di cui potrebbero aver bisogno in questa faccenda saluto, asilo e protezione“Ha detto il leader Cdu aggiungendo che “è molto, molto importante ora chiarire con urgenza come è avvenuta questa situazione. Insisteremo su questo ”.

READ  alunni accompagnati da un solo genitore. Chiusure in base al numero di casi

Nelle ultime settimane, Navalny si è recato in diverse città della Siberia per sostenere i candidati dell’opposizione per il elezioni locali, spiega il Custode, che il mese prossimo coinvolgerà 40 milioni di elettori. Mercoledì ha pubblicato una foto a Tomsk con i suoi sostenitori, facendo appello a combattere la corruzione dilagante nel paese.

Il 44enne, noto per il suo campagne anticorruzione contro gli alti funzionari e per le critiche esplicite al presidente Vladimir Putin, ha subito attacchi fisici in passato ed è stato arrestato più volte. Nel 2017, è stato bruciato agli occhi quando gli aggressori gli hanno lanciato uno in faccia fuori dal suo ufficio tintura verde usato come disinfettante. Il caso più simile a quello attuale, citato dallo stesso portavoce Kira Yarmysh su Twitter, risale al 2019. “Alexei è stato avvelenato quando lo era in prigione“, ha scritto.” Chiaramente la stessa cosa è successa di nuovo. “In quell’occasione, il principale antagonista di Vladimir Putin ha sofferto di un reazione allergica acuta, spiegato dai medici come “avvelenamento da a sostanza chimica sconosciuto “. Rimase in ospedale per poco più di una settimana, nonostante il parere contrario degli specialisti, per poi rientrare subito in cella.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Coronavirus, boom di casi in Spagna: sono oltre 3.700, oltre 1.500 a Madrid. In Germania è un record dal 1 maggio: 1.510. Picco in Francia con 3776 positivi e 17 morti. Croazia, mai tanti contagi

Il prossimo


Articolo successivo

L’ex consigliere di Trump Steve Bannon è stato arrestato con l’accusa di frode

Il prossimo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *