Home / L'artista racconta / Apofenia – La genesi del nuovo album de Il Giardino Onirico

Apofenia – La genesi del nuovo album de Il Giardino Onirico

Sette anni. Sette anni nella vita di una persona contengono un mondo, un mondo fatto di gioie e dolori, sorrisi e lacrime, ispirazioni e delusioni. E sette anni è il tempo che intercorre tra la pubblicazione di Perigeo e di Apofenia. Noi attraverso la musica cerchiamo di raccontare storie di vita quotidiana, di sogni, di incubi, e il fatto che si crei prevalentemente musica strumentale permette all’ascoltatore di creare il proprio film mentale, di figurare la propria storia con la sceneggiatura più vicina al suo Io.

E di storie questa volta sì che abbiamo voluto raccontarne! In questo arco di tempo ci sono successe cose bellissime e cose molto tristi, ma sì sa, nella vita è tutto bilanciato. E tutto questo abbiamo cercato di trasferirlo in Apofenia, un disco che abbiamo montato, smontato e rimontato nuovamente infinite volte, registrato e ri-registrato, in quanto c’era sempre qualcosa che non ci soddisfaceva e che non si avvicinava abbastanza a quello che volevamo trasmettere.

In questo album abbiamo, inoltre, avuto collaborazioni prestigiose: il primo ad aver creduto in noi e che ha accettato di collaborare è stato Alessandro Corvaglia. Il suo apporto è stato incredibile, ci ha messo veramente l’anima in quello che ha scritto e cantato e siamo orgogliosi che lui stesso ci abbia detto che “Scivolosa simmetria” è uno dei brani di cui è più soddisfatto del risultato da lui raggiunto. Altra prestigiosa collaborazione è quella con Jenny Sorrenti, che ha prestato la sua meravigliosa voce su “Mushin”, una performance da brividi, un timbro unico e moderno. Ci rende orgogliosi il fatto che l’avevamo contattata per cantare su un altro brano, ma Jenny, con grande coerenza degna dell’artista che è, ha gradito in particolar modo “Mushin” e ha voluto cantare lì! Abbiamo avuto anche altre preziose collaborazioni, come ad esempio un coro per il brano “Aléthia”, oltre ad una vocalist e due sassofonisti per altri brani. Tutto ciò ci ha permesso di evolvere e fare un ulteriore passo avanti nel nostro processo creativo.

Ci sarebbero ancora tante altre cose da dire, ma preferiamo che ascoltiate direttamente Apofenia; purtroppo (o per fortuna) non siamo bravi con le parole, quindi cerchiamo di farlo attraverso la musica. Ci vediamo nei vostri sogni!

Il Giardino Onirico, settembre 2019

About amministrazione

Avatar

Check Also

Quali kiwi? – Il making of del nuovo album del Campo Magnetico

Il secondo album del Campo Magnetico prende più o meno corpo ancora durante le registrazioni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *