Caldo estivo in arrivo: non bisogna aumentare di qualche grado l’aria condizionata in ufficio? † ADESSO

Per ridurre il consumo di gas, il governo vuole iniziare a risparmiare energia. Nei prossimi giorni, tuttavia, il nostro consumo di elettricità potrebbe aumentare notevolmente se le temperature salissero a 30 gradi e i condizionatori d’aria negli edifici per uffici dovessero andare fuori velocità. Gran parte di questa elettricità proviene da centrali elettriche a gas. L’azienda ha già una soluzione per questo nei nuovi piani di risparmio?

Sì e no. A causa del calo della fornitura di gas e dei prezzi esorbitanti dell’energia, il governo ha annunciato: Lunedi ha lanciato una nuova campagna di risparmio energetico. In questo contesto, il sito web di Ruota anche l’interruttore ora ha anche chiesto alle aziende di non toccare l’aria condizionata troppo in fretta quest’estate. Sul sito si suggerisce di optare per tende da sole o ventilatori, che consumano meno energia.

Le imprese sono invitate a raffreddarsi meno rapidamente, ha detto a NU.nl un portavoce del Ministero dell’economia e del clima. Tuttavia, non sembrano esserci consigli concreti per alzare di qualche grado l’aria condizionata, nemmeno per gli edifici governativi.

“Abbiamo una serie di progetti uno accanto all’altro, rivolti a famiglie e imprese, e un percorso che noi come governo nazionale possiamo seguire”, ha affermato il portavoce. “Non ci sono ancora conclusioni su quest’ultimo. Stiamo lavorando a questo annuncio”.

Ad aprile è stato acceso il termostato negli edifici governativi. Il ministro dell’energia e del clima Rob Jetten ha quindi deciso di riscaldare gli edifici governativi d’ora in poi 19 gradi dovuto stare. Questo termostato era precedentemente impostato a 21 gradi come standard negli edifici governativi. Durante i mesi invernali, la temperatura di riscaldamento più bassa si traduce quindi in un risparmio di gas.

READ  Dutchbatter Antoon felice della sua riabilitazione: "Le scuse devono essere sincere"

Un consiglio di 19 gradi può sprecare energia in estate

Ma quella stagione di riscaldamento in genere termina ad aprile per gli edifici per uffici, quindi passa senza interruzioni alla stagione di raffreddamento. afferma l’esperto di energia Kees van der Leun di Common Futures. La temperatura interna viene poi abbassata dall’aria condizionata, che costa anche molta energia per ogni grado di differenza di temperatura.

Ora c’è un piccolo malinteso che, secondo Van der Leun, significa che stiamo sprecando energia. “Gli edifici per uffici spesso hanno ancora sistemi di controllo mal regolati che passano immediatamente dal riscaldamento al raffrescamento”.

Un tale sistema ha un’impostazione della temperatura, che non è solo correlata al riscaldamento, ma anche all’aria condizionata. Se la temperatura esterna scende al di sotto di questo valore termostatico, il riscaldamento si accende. Se la temperatura supera questo valore, il raffreddamento si avvia automaticamente.

‘Ridurre la differenza di temperatura con l’aria esterna’

In questo caso, è probabile che gli edifici governativi consumino più elettricità durante la metà estiva. E poiché più della metà di questa elettricità viene prodotta in centrali elettriche a gas, ciò significherebbe anche un maggiore consumo di gas.

Avrebbe senso aumentare la temperatura limite di raffreddamento, afferma Van der Leun. Consiglia di impostare un range di temperatura “neutro” e quindi senza consumo di energia.

“Le persone si vestono in modo diverso anche con il caldo. Se fuori ci sono 32 gradi, una temperatura interna di 23 gradi è in realtà piuttosto fresca, mentre i condizionatori d’aria utilizzano grandi quantità di energia per creare quella differenza di temperatura”.

READ  Il video con il fisco: cosa cambia adesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.