Chi ha in mano la scienza? Quello che non dicono sulle riviste scientifiche ▷ Shock tra Fabio Duranti e Mario Tozzi

Dai primi momenti in cui il virus ha dato uno sguardo alle nostre vite, abbiamo subito cambiamenti immaginabili, anche al vertice delle nostre priorità. Ci sono state molte limitazioni che abbiamo e continuiamo a subire, così come molti obblighi che ci vengono imposti dall’alto.

Il motivo di queste disposizioni, finalmente il nuovo Dpcm firmato in questi tempi, risiede nei parametri dettati da prove e teorie scientifiche. A loro volta guidati da tecnici e scienziati, che quindi presumono che non abbiamo alcun interesse, se non per il bene collettivo.

Mettere in discussione questo processo significa riflettere criticamente sulle norme che dominano questi ultimi giorni. Questo è quello che hanno fatto Fabio Duranti e Mario Tozzi, opporsi verbalmente al lavoro delle riviste scientifiche e all’accuratezza delle misurazioni risultanti.

Ecco il dibattito tra Duranti e Tozzi a “A Special Day”.

Duranti: “Premi Nobel che rifiutano le riviste scientifiche”

“Oggi assistiamo a una riduzione drammatica, esagerata e incostituzionale dei nostri diritti. Ma perché è nata? È nato perché alcuni cosiddetti esperti, che oggi vogliono rappresentare un pensiero, ci hanno raccontato storie che non ci fanno bene.

Ci dicono che l’epidemia è mortale, che ci sta uccidendo tutti, quindi per evitare di farlo dobbiamo vestirci, aspettare il vaccino, c’è un’emergenza, gli ospedali si riempiono. Questi pensieri unici sono bloccati dietro le loro pubblicazioni nelle principali riviste.

Ma c’è una fila abbastanza lunga di vincitori del Premio Nobel che lo negano totalmente e in effetti hanno lasciato una serie di dichiarazioni molto pesanti su queste riviste scientifiche.

Il premio Nobel Randy Schekman attacca riviste come Science e Nature: “ Stanno rovinando la scienza mercificando il suo contenuto e spingendo i ricercatori a modificare i risultati … La scienza è in pericolo, non è più affidabile perché è nelle mani di una casta chiusa e tutt’altro che indipendente … Le riviste sono tiranni che pubblicano sulla base dell’attrattiva mediatica di uno studio piuttosto che sulla sua effettiva rilevanza scientifica. I ricercatori sono pronti a tutto, anche a modificare i risultati del loro lavoro per ottenere una pubblicazione, influenzando così le decisioni dei governi ”.

Tozzi: “Questo è ancora il miglior metodo che abbiamo”

“Mi stai portando ancora una volta cose che, da un punto di vista scientifico, contano zero. Se ne infili uno perché la sua teoria è sbagliata e lo provi con i calcoli, hai ragione se quei calcoli sono corretti. Ci sono i cattivi lavori, ma sono ancora una piccola percentuale, così come sono minimi quelli che mettono in dubbio il metodo.

Randy Schekman ha ragione su alcune delle principali riviste perché sono un incentivo a pubblicare sempre. E questo ci spinge ad anticipare i risultati. Che i metodi ei dati siano sbagliati, se sei in malafede può succedere comunque. Il miglior metodo a nostra disposizione resta: quello di scrivere su riviste scientifiche ”.


ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

READ  LETTERA Dati sul coronavirus

LEGGI ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *