Ci sono grandi rischi se l’assicurazione viene pagata in ritardo

Se il proprietario dell’auto si dimentica di pagare il premio, la polizza viene sospesa per quindici giorni. Durante la sospensione l’auto non può muoversi perché l’assicurazione non è operativa. Quindi ci sono grandi rischi se l’assicurazione viene pagata in ritardo, perché è come guidare un’auto che non è affatto assicurata.

Le scadenze sopra indicate sono certe. Il codice civile all’art. 1899, infatti, prevede che l’assicurazione diventi operativa alla mezzanotte del giorno in cui viene firmato il contratto. Ciò significa che se il proprietario stipula la polizza la mattina, durante l’orario di apertura degli uffici assicurativi, in linea di principio non potrà circolare fino alla mezzanotte dello stesso giorno.

Nella giurisprudenza, invece, è riconosciuto che l’assicurazione può inserire nel contratto diverse clausole, in modo che la polizza entri in vigore immediatamente.

Quindi, prima di tutto, devi controllare la data e l’ora di validità della polizza in modo da non correre il rischio di guidare senza copertura. Su questo punto le polizze sono sempre molto precise e indicano anche il momento del pagamento.

Ci sono grandi rischi se l’assicurazione viene pagata in ritardo

La regola vale anche per l’assicurazione contro gli infortuni, ad esempio. In caso di sinistro, ilAssicurazione provvederà immediatamente a verificare se l’incidente, all’auto o alla persona, è avvenuto mentre le forze dell’ordine erano già operative. Il tempo di entrata in vigore sarà calcolato sulla base del periodo di stipula e delle clausole del contratto che indicano il numero di ore di intervallo che devono trascorrere prima che diventi efficace.

Un altro rischio

Attenzione a un altro rischio. Il codice civile, all’art. 1901, stabilisce che il contratto non è concluso fino al pagamento del premio. Non è sufficiente firmare il contratto perché sia ​​valido, ma è necessario pagare anche il primo acconto. È una disposizione legale che non può essere modificata dalle parti. Quindi non devi chiedere il tuo assicuratore affinché la polizza abbia effetto anche in assenza di pagamento.

READ  Come difendersi dalla nuova truffa vishing e salvare il proprio conto in banca

La sospensione di quindici giorni riguarda l’intervallo tra il primo contratto e il successivo rinnovo. Se al momento del rinnovo l’autista non paga immediatamente la caparra, c’è una sospensione del contratto di quindici giorni.

Poiché tecnicamente questo è un caso in cui il pagamento non è stato effettuato, le conseguenze sono le stesse descritte sopra. Il contratto non è completo, non può produrre i suoi effetti e inizierà a produrli dopo la regolarizzazione del pagamento. Per questo motivo la polizza non copre il massimo di quindici giorni di sospensione. I rischi nel traffico sono quindi massimi e gravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *