Cosa rivela la nostra composizione? Lo spiega la psicologia del trucco

L’abito non fa il monaco, è vero. Secondo alcuni studi, però, bastano poche frazioni di secondo per giudicare una persona. Nei primi momenti della visione, il cervello sviluppa un’idea e la associa immediatamente alla persona osservata. Poi anche il trucco, ovvero il modo di vestirsi di ognuno, permette di capire meglio.
Cosa rivela la nostra composizione? Lo spiega la psicologia del trucco.

Il trucco è l’espressione

Il mondo si divide tra chi ama il trucco e ne fa una seconda pelle e chi lo trova estremamente superfluo. Poi, al centro, c’è chi lo usa quotidianamente con moderazione, ben consapevole che la bellezza che conta è quella interiore. Tuttavia, non lo giudica negativamente.
Qui il trucco è l’espressione; rispecchia le nostre scelte e caratteristiche personali. Il trucco a volte è usato per nascondere insicurezze, altre per esasperare l’alta autostima. Il mondo della cosmesi è molto sfaccettato, al punto da determinare la nascita di una vera psicologia del trucco. Riesce a tradurre le abitudini e le scelte di trucco in un linguaggio comprensibile.

Perché ci trucciamo?

Cosa rivela la nostra composizione? La psicologia del trucco spiega questo attraverso l’analisi dei comportamenti di trucco frequenti. Il trucco mostra chi siamo e chi vorremmo essere. Esternalizza il desiderio di migliorare o la consapevolezza dei nostri punti di forza. La cosa incredibilmente meravigliosa è che c’è chi si trucca perché è estremamente sicuro e chi, al contrario, lo fa per nascondere le proprie insicurezze. UNA trucco quello che mette in risalto gli occhi è tipico di chi non ha paura di incontrare lo sguardo degli altri, a rischio di svelare la propria anima. Un focus sulle labbra, invece, serve a dimostrare consapevolezza della propria femminilità, senza mostrare alcuna volgarità.

READ  è la notte di Giove, Saturno e Marte - Targatocn.it

Colore

E la scelta dei colori? Secondo la psicologia del trucco, chi usa colori vivaci è ben consapevole delle proprie potenzialità e dei propri punti di forza. Chi usa colori neutri, caldi e opachi è una persona abitudinaria, che intende restare nei propri zona di comfort senza eccedere. I colori vivaci corrispondono a persone estroverse; i colori tenui sono la scelta di persone tranquille e premurose, forse anche timide. Quindi probabilmente il trucco non è uno stratagemma per nascondere qualcosa, ma un modo ovvio per rivelare te stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *