Covid, virologo Perno: “Dobbiamo mettere il virus in trappola. Le varianti? Quella che sfugge al vaccino potrebbe venire da pressioni selettive. Dobbiamo vaccinare tutti il ​​prima possibile”

“Metti il ​​virus in una camera della morte, come in una trappola”. Carlo Federico Perno, capo del dipartimento di microbiologia e diagnostica immunologica di Bambino Gesù di Roma, usa un’immagine forte e “sanguinante” per spiegare questo Sars il 2 dobbiamo essere spietati e vaccinare quante più persone possibile il più rapidamente possibile. Il vero pericolo, infatti, potrebbe venire da una variante del coronovirus generata dal pressione selettiva esercitato dal vaccino stesso, probabilmente perché utilizzato in modo improprio. Un’azione che deve essere feroce, così come la malattia che ha ucciso in Italia più di 91mila persone ad oggi. Un numero impressionante tanto più come alcune varianti, vincenti una sorta di Selezione darwiniana, imporre e aumentare il numero di infetti. E come la cronaca di quasi un anno di pandemia Il 3,5% dei contagiati nel nostro Paese ci ha insegnato che se la situazione non cambia, moriranno. “Il Covid è un disastro assoluto con una serie di morti per le quali non ci sono parole, ma – dice lo scienziato che, avendo lavorato anche alla Niguarda di Milano, ha visto centinaia di vittime – ha dato ad alcuni la possibilità di rigenerarsi e svegliarsi. dal sonno rimettendo in moto il cervello, e l’esempio è dato dal fatto di essersi vaccinati in meno di un anno, cosa che non è mai accaduta nella storia della medicina. Ora devi essere forte, veloce e spietato contro il virus“Vaccinare, sequenziare il virus e mantenere la guardia con maschere, spaziatura e igiene delle mani.

Le ultime varianti stanno iniziando a influenzare il numero di infezioni. Potrebbe esserci un’escalation?
Il fatto che i virus producano varianti è normale, che alcuni virus producono più di altri è assolutamente chiaro, che queste varianti per alcuni virus hanno prodotto enormi problemi per la produzione di vaccini è anche dimostrato. Basti pensare all’HIV e all’epatite C, per i quali chissà se avremo mai un vaccino. I coronavirus, in generale, non variano molto, ma Sars Cov 2 è un’eccezione perché a questo punto si sta adattando all’uomo. E quando un virus si adatta agli esseri umani da un animale distante, come un pipistrello, deve cambiare. Cambia per riprodursi meglio in noi. E la variante inglese è solo un esempio: non fa più danni, semplicemente non si genera più.

Al momento abbiamo tre varianti: inglese, brasiliano e sudafricano. Perché sono riusciti a stabilirsi?
I virus devono adattarsi. Se trovano una persona vaccinata che quindi ha degli anticorpi, ci sono due possibilità: o non variano e muoiono, oppure selezionano lentamente un ceppo resistente al vaccino. Così, durante le vaccinazioni, può accadere che emergano varianti specifiche per sfuggire al vaccino. La probabilità che il virus generi una variante che sfugge al vaccino senza essere sotto la pressione del vaccino è molto bassa. Perché il virus non ha alcun beneficio e questo è un concetto fondamentale molto importante. Un virus varia perché cerca di trovare questo ceppo, questa quasi-specie, questa variante come viene chiamata nel linguaggio comune, che è meglio difenderci dal vaccino, che è meglio difenderci da un farmaco, che ci permette di adattarsi agli esseri umani. Ma se le persone non sono state ancora esposte al vaccino, le possibilità che il virus generi naturalmente una variante, sfuggendo al vaccino, sono possibili ma improbabili. Dobbiamo lavorare molto duramente per mettere il virus in un angolo in cui il virus sfugge. Uso molto il termine tonnara, che è un termine cruento ma dà una buona idea: devi portare il virus in una camera della morte e allevare il tonno. Perché altrimenti avrà maggiori possibilità di generare una variante che sfuggirà al vaccino. È quindi importante utilizzare i vaccini in modo corretto e rapido.

READ  Timbro Covid: quale fare? Burioni spiega le differenze tra molecolare e rapido

In estate è arrivata una variante spagnola di cui abbiamo perso le tracce. Le varianti attuali hanno vinto una sorta di selezione darwiniana?
Nella replicazione incessante e stiamo parlando nel mondo di trilioni di particelle virali prodotte ogni giorno, ma forse milioni di miliardi, questo virus a volte fallisce nella sua riproduzione del codice genetico e produce le cosiddette varianti. La stragrande maggioranza di loro non è vitale e muore. Una piccola parte è interessante, ma poi viene sopraffatta come nel caso degli spagnoli o in quello di Singapore (che sono scomparsi). C’è poi una piccolissima parte di una piccolissima stanza che si adatta meglio all’ambiente, conquista le altre e prende il sopravvento su tutti gli spazi.

Quindi quanto tempo ci vuole per completare la missione di vaccinazione di tutti per evitare che la pressione selettiva generi la variante che sfugge?
Pensa agli antibiotici e alla frequenza con cui leggiamo l’importanza di attenersi a tempi e dosaggi per evitare che i batteri diventino resistenti. Il principio è esattamente lo stesso. Se metto il virus sotto pressione parziale, cioè do una dose di vaccino e poi un’altra dopo un anno o divido la dose a metà, questo è il mondo migliore per generare varianti. È quindi assolutamente necessario essere più veloci e più forti, spietati perché dovrà essere sotto tale pressione da non avere il tempo e i mezzi per generare variazioni. Quindi dai a ciascuno dei colpi il prima possibile.

Quindi quanto dovrebbe durare la campagna di vaccinazioni visto che la campagna italiana durerà fino al prossimo autunno?
È la prima volta nella storia umana che abbiamo più di un vaccino efficace dalla scoperta di un virus in pochi mesi. Ci sono voluti decenni per dimostrare gli effetti benefici del vaccino contro la poliomielite, il vaiolo, il morbillo e il tetano. Stiamo parlando di accelerare la campagna da sei mesi a tre mesi. Sicuramente prima è meglio è, ma non so se il problema è dal punto di vista della salute, passa dai sei ai tre mesi. Naturalmente, tutti devono essere raggiunti rapidamente e i programmi di vaccinazione ben completati. La scelta inglese di vaccinare tutti con una dose ritardante la seconda per sospensione è ragionevole dal punto di vista della protezione immediata in quanto tutti producono anticorpi e sono in qualche modo protetti, ma questo potrebbe creare le condizioni per cui, per il momento, il secondo arriva la dose, il virus in alcuni paesi avrà sviluppato resistenza. Se si seguono i dosaggi, le possibilità di fuoriuscita del virus sono inferiori.

READ  Si toglie la vita a 43 anni sotto gli occhi dei soccorritori: i tentativi di convincerlo a rinunciare sono inutili

In Gran Bretagna è stato avviato uno studio controverso con il vaccino combinato (Pfizer + Astrazeneca)
Mi sembra una soluzione di emergenza che non è una soluzione ottimale, e che è legata alla possibilità di non avere gli stessi vaccini al momento giusto per ogni persona da vaccinare. Questo non dovrebbe essere fatto perché la prima vaccinazione genera un’immunità che è potenziata al meglio da una seconda vaccinazione uguale alla prima. Ma poiché tutti questi vaccini sono diretti contro la stessa proteina del virus, questo è qualcosa che potrebbe ancora funzionare, ma, ancora una volta, è una soluzione di emergenza, né ottimale né buona.

Un altro punto chiave nella lotta contro Covid è il sequencing e ci sarà un consorzio italiano. Puoi spiegare perché è così importante?
Come gruppo abbiamo generato più sequenze in Italia, circa 400, per un totale ancora largamente insufficiente. Perché in Italia non abbiamo ancora avuto un consorzio finanziato dallo Stato che copra i costi del sequenziamento per seguire l’evoluzione del virus. Se produciamo un vaccino e non seguiamo il virus, è come sparare a un bersaglio in movimento che mira dietro il bersaglio. Dobbiamo avere uno strumento, quali sono le sequenze italiane per vedere cosa sta succedendo in Italia. Gli inglesi hanno formato un consorzio con diverse università di qualità finanziate da decine di milioni di sterline per sequenziare migliaia di campioni da tutte le parti del paese. Ciò che chiamiamo la variante inglese sarebbe più correttamente chiamata la variante scoperta in Inghilterra. Potrebbe essere nato altrove, ma in Inghilterra lo cerchiamo e lo troviamo. Il sequenziamento è davvero essenziale. Quindi apprezzo molto lo sforzo attuale per lanciare un sistema di sequenziamento organizzato e coordinato anche in Italia.

READ  Il raro incontro tra quasar

Quindi oltre alla pubblicità, stai già lavorando?
Lavoriamo tutti, il problema sono le risorse. Dobbiamo lavorare in modo coordinato, tutto il tempo. Il problema non è prendere dieci sequenze in Sicilia o otto in Toscana. Deve essere un lavoro coordinato in cui ognuno ha il compito di caratterizzare un certo tipo di sequenze, metterle insieme e capire cosa sta succedendo. Quindi la risposta è sì, stiamo facendo progressi, ma in modo inadeguato.

Adesso si fa un nuovo governo, proviamo a fare pressione psicologicamente sul futuro ministro della Salute, che rimarrà forse Hope?
Il consorzio è nato sotto gli auspici del governo precedente, ma è un organo politico trasversale, apartitico nel senso più alto del termine. Una necessità dello Stato, trovo difficile per un nuovo governo dire che ci sono altre priorità. È una vera priorità. Quando hai i vaccini, devi mettere il virus nell’angolo o, se preferisci, nella trappola, credo sia un investimento essenziale.

Quindi con i vaccini e il sequenziamento possiamo evitare l’escalation …
Sono sicuro di sì, ma dobbiamo aggiungere un terzo elemento, che è la capacità di continuare come se non avessimo i vaccini e il finanziamento per il sequenziamento. Abbiamo ancora bisogno di maschere, spazio e igiene delle mani ancora per qualche mese. Anche questo è essenziale. Perché se facciamo tutti un covo gratuito sulla base delle vaccinazioni fatte finora, stiamo rischiando molto. Se ci atteniamo a questo punto, se siamo spietati nei confronti del virus, smetterà di infettarsi. Guarda cosa sta succedendo in Israele, dove le nuove infezioni stanno drasticamente diminuendo con l’aumentare delle vaccinazioni. So che questo è ovvio e ovvio, ma va detto. Al Bambin Gesù, abbiamo fatto uno studio che ha dimostrato che il vaccino funziona, anche questo era ovvio, ma doveva essere detto. Se mentre vacciniamo le persone, riduciamo la protezione, il virus si dissolverà dove può: cioè in coloro che non si proteggono e non sono vaccinati. E il ciclo di vita del virus continuerà.

Twitter @ trinchella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *