Da Ligt-Barcellona, ​​spunta la clausola di sconto

L’olandese potrebbe partire per 75 milioni invece di 125. Ma i blaugrana devono riscrivere i casi

Il rilancio del Barcellona è iniziato con l’assunzione di Xavi come allenatore, seguito dal successo di Ferran Torres. L’attenzione del tecnico spagnolo ora è sulla difesa e il primo nome della lista è quello di Matthijs de Ligt, anche se gli ostacoli non sono rari: prima di tutto economici, tenendo conto dei costi dell’azienda olandese Juventus e la situazione finanziaria del club blaugrana. Ma dalla Spagna arriva un passaggio decisivo: nel contratto di de Ligt ce n’è uno clausola inserita a suo tempo da Raiola che farebbe risparmiare prendi il Barça I 50 milioni di euro.

Flashback veloce sull’estate 2019: Juve e Barcellona si affrontano per l’Ajax classe 1999, i bianconeri vincono la sfida pagando 75 milioni più 10,5 di tasse aggiuntive. Per il giocatore di contratto quinquennale da 8 milioni a stagione, pronto a salire a 12 nel 2024. Numeri migliori del giocatore anche se finora de Ligt ha dimostrato di meritarli in pochi lampi. Non è per questo che l’interesse del Barça è scemato, tanto che in estate – sollecitato dalle dichiarazioni di Raiola che ha detto come de Ligt sia pronto per una nuova tappa – gli spagnoli ci riproveranno. Tanto più se la convinzione che arriva dalla Spagna di a clausola ad hoc per i 75 milioni del Barça fatto inserire da Raiola nel contratto del giocatore era vero.

Certo, entrambe le questioni dei parametri finanziari vanno risolte (ma Laporta sta già andando in questa direzione, vedi la rinuncia di Dembélé che non dovrebbe rinnovare il contratto e andarsene a titolo gratuito quest’estate. Ovviamente anche la squadra dovrà fare il suo accesso in Champions, ora è settimo) e lì valutazione ovvia e legittima della Juve che, dal canto suo, sa come 125 (anzi di più) o comunque 75 milioni possano aiutare il bilancio ma allo stesso tempo deve capire se vale la pena rinunciare a un difensore di 22 anni in un reparto che comprende Chiellini, 37 e Bonucci, 34.

READ  La decisione di Zaniolo, epilogo di una storia ancora aperta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *