Ecco come disinfettare la tua casa dopo aver contratto il coronavirus

Le regole di base per evitare il contagio sono ormai note a tutti, ovvero l’uso di nascondere, tenere lontano e disinfettare le mani.

Ma non molte persone sanno cosa fare nel caso in cui ci sia un aspetto positivo in casa. In particolare, come disinfettare l’intera casa, che ora è completamente contaminata.

Ecco come disinfettare la tua casa dopo aver contratto il coronavirus.

La regola generale per l’igiene è sempre quella di pulire le superfici con un panno umido e disinfettare per abbattere qualsiasi microbo.

Quindi, mentre era importante nell’era pre-Covid, lo è ancora di più ora, disinfettare tutti i tipi di superfici, telecomandi, maniglie, chiavi e tutti gli oggetti portati dall’esterno.

È fondamentale arieggiare l’intero appartamento, soprattutto le stanze dove c’è stato il positivo, anche se per pochi minuti.

Lavare lenzuola, coperte, cuscini e asciugamani in bagno, cercando di utilizzare una temperatura di 90 gradi, abbastanza alta da cercare di rimuovere e distruggere ogni traccia del virus.

Ecco come disinfettare la tua casa dopo aver contratto il coronavirus, seguendo alcuni suggerimenti

La questione relativa all’uso di disinfettanti e non solo di disinfettanti dovrebbe essere sottolineata più volte.

I disinfettanti consentono di uccidere il microbo, eliminando così gli agenti patogeni, mentre i disinfettanti si limitano esclusivamente alla pulizia e alla rimozione della polvere.

Differenza fondamentale nello scopo della pulizia di una casa soprattutto se c’è stato un positivo.

Alcuni suggerimenti su come disinfettare le superfici probabilmente contaminate, anche quelle piccole, come gli interruttori della luce, sono l’uso di disinfettanti a base di alcol.

Un’alternativa è anche un disinfettante a base di cloruro, comunemente noto come candeggina.

READ  Coronavirus, i dati - 8.085 contagi in 24 ore con 287.000 campioni: il tasso di positività torna a salire al 2,8%. 201 altri decessi

Prodotti da utilizzare anche per grandi superfici come i pavimenti. Non dimenticare mai di usare i guanti.

Il consiglio dell’OMS è di provare a diluire 50 ml di candeggina commerciale in circa 2,5 litri di acqua.

È importante seguire queste linee guida per evitare di correre il rischio di irritazione delle vie respiratorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *