Ecco perché dovremo dire addio al telefono fisso

La Francia ha iniziato a dire addio ai telefoni fissi nel 2018 e ora sorgono dubbi anche per noi. Questo utilissimo strumento ci tiene compagnia da molti anni. Prima dei social media e dei cellulari, era l’unico modo per ascoltare amici e familiari in tempo reale.

Molti sono quindi legati più dalla nostalgia che dall’utilità effettiva. Per ragioni pratiche, tuttavia, il tempo per questo tipo di telefonia sembra ormai scadere. Ecco perché dovremo dire addio al telefono fisso.

L’era degli smartphone

C’è chi storce ancora il naso per sentirlo, ma questo è l’era degli smartphone. Con l’avvento dei cellulari, le telefonate sono arrivate dal soggiorno o dalle cabine telefoniche.

Ora possiamo chiamare anche dalle cime delle montagne (non sempre!) In qualsiasi momento. I costi sono anche a favore della telefonia mobile. Non spendiamo più decine di euro per conversazioni che durano pochi minuti.

Grazie alle tante offerte forfettarie dei maggiori operatori telefonici, possiamo chiamare praticamente gratuitamente ovunque nel Paese. Anche se i prezzi della rete fissa sono molto inferiori rispetto al passato, mantenere una rete fissa significa comunque pagare per due abbonamenti.

Ecco perché dovremo dire addio al telefono fisso

Secondo AGCOM sempre meno italiani usano le linee fisse. Dal 2011 al 2019, il loro numero è diminuito del 20%.

E lo sanno anche le compagnie telefoniche. Molti, infatti, stanno lentamente eliminando le linee di rame e sostituendole con fibre. Questo non ci richiederà di rinunciare alla correzione. Ma le chiamate con questi telefoni passeranno attraverso Internet e non più attraverso la linea telefonica tradizionale.

Le offerte di telefonia fissa sono infatti sempre più vendute con contratti Internet per la casa. Quindi, se ora possiamo fare tutto con lo smartphone, i pochi appassionati di rete fissa rimasti dovranno rassegnarsi. Questo strumento sta subendo un’evoluzione che lo renderà sempre più dipendente da Internet e, in pochi anni, addirittura obsoleto.

READ  Il "cashback" raddoppia per Natale, fino a 300 euro restituiti a chi fa acquisti con carte e sistemi di pagamento digitali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *