Eros, nuovo singolo con Fabio Rovazzi: la reazione di Aurora Ramazzotti su Instagram

Fabio Rovazzi ritorna dopo due anni di silenzio e lo fa in grande stile con Eros Ramazzotti, annunciando il nuovo singolo, La mia felicità. La notizia ha colto tutti di sorpresa, compreso Aurore Ramazzotti, figlia di Eros e Michelle Hunziker che ha condiviso il suo stupore su Instagram.

È stato lo stesso ad annunciare il grande ritorno dell’ex pupillo di Fedez e la collaborazione con Eros Fabio Rovazzi quello sul suo Profilo Instagram ha svelato la cover della canzone e ha commentato: “Dopo 2 anni, sono così felice di tornare con questa bomba atomica”.

Eros a sua volta ha rilanciato la cover del brano su Instagram e ha definito la sua compagna: “@rovazzi GENIO DELLA HELICITY 🧞‍♂️”.

La mia felicità esce il 25 giugno, promette di essere lo slogan dell’estate, ed è la risposta di Rovazzi a Mille, il pezzo che riunisce un originale trio composto da Orietta Berti, Achille Lauro e tanti Fedez. E poi, ovviamente, ci sono i Maneskin che gareggiano bene con Fabio ed Eros.

Rovazzi e Ramazzotti si erano già conosciuti professionalmente nel 2018 per il video Io faccio quello che voglio. La nuova collaborazione tra i due è stata accolta con grande entusiasmo dai fan di entrambi. Ma soprattutto Aurora Ramazzotti che ha reagito ai post del padre e di Fabio con un entusiasta “EDDAJEEEEEEEEEEEE🔥🔥🔥”. E su storie dal suo profilo ha commentato la notizia, mostrando la sua espressione attonita “subito dopo aver appreso la notizia sui social”.

Dopo che la bomba è stata sganciata, molti si sono precipitati a scrivere a entrambi per complimentarsi, incluso Gianni Morandi: “Dopo la felicità viene la felicità!”. Colapesce, Monica Leofreddi, Lorella Cuccarini hanno mostrato tutto il loro entusiasmo, a cui Rovazzi ha risposto: “Un onore, rompiamo tutto 💣”.

L’unica La mia felicità segna anche il ritorno di Eros Ramazzotti il ​​cui ultimo album in studio, C’è vita, risale a novembre 2018.

Aurore Ramazzotti

Aurora Ramazzotti, la storia su Instagram

READ  Venezia tricolore e la mostra che "non si poteva fare" - Speciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *