Home / L'artista racconta / Flower Flesh in studio di registrazione – Diario di bordo, 12˄ settimana

Flower Flesh in studio di registrazione – Diario di bordo, 12˄ settimana

Flower Flesh in studio di registrazione – Diario di bordo, 12 settimanaCi si avvicina a gran passi verso la conclusione di questa avventura!

È, infatti, in fase di registrazione l’ultima traccia del CD, intitolata “The smell of the aardvark” (l’odore dell’oritteropo), che è anche la più lunga (oltre 11 minuti) e strutturalmente la più complessa del concept album.

Il 23 aprile, in una sola tornata di registrazioni, iniziata poco prima delle 22 e conclusasi verso le 3 di notte, Alberto ha registrato le parti di tastiere.

Il 4 maggio è stata la volta di Daniel Elvstrom e di Giorgio per le voci e le batterie. I nostri due eroi hanno iniziato verso mezzanotte per concludere alle prime luci dell’alba!

Nel corso di questa settimana saranno Marco e Ivan a completare le chitarre e i bassi, dopodiché resteranno solo minimi lavori di ritocco.

Perché “The smell of the aardvark”? Sicuramente si tratta del brano più complesso del disco anche come testi, oltre che come musica, una trama ricca di simbolismi e metafore. Ma di questo, magari, parleremo nella prossima puntata, in occasione delle registrazioni di Marco e Ivan…

Fotogallery

  • Flower Flesh in studio di registrazione – Diario di bordo, 12˄ settimana
  • Flower Flesh in studio di registrazione – Diario di bordo, 12˄ settimana
  • Flower Flesh in studio di registrazione – Diario di bordo, 12˄ settimana
  • Flower Flesh in studio di registrazione – Diario di bordo, 12˄ settimana
  • Flower Flesh in studio di registrazione – Diario di bordo, 12˄ settimana
  • Flower Flesh in studio di registrazione – Diario di bordo, 12˄ settimana
  • Flower Flesh in studio di registrazione – Diario di bordo, 12˄ settimana
  • Flower Flesh in studio di registrazione – Diario di bordo, 12˄ settimana

About Donato Ruggiero

Donato Ruggiero
Membro fondatore e redattore di HamelinProg.com, è archeologo e autore del romanzo noir "Tutto tranne il cane" (0111 Edizioni, 2017) e di diversi racconti pubblicati in varie antologie, nonché chitarrista della band alternative rock Malamente con all'attivo l'album "Stato vegetativo permanente". Appassionato di progressive rock, rock progressivo italiano anni '70, in particolare dei gruppi "minori", e contemporaneo, krautrock, space rock, scuola di Canterbury, avant-prog, rock sinfonico, jazz rock, musica sperimentale e molto altro.

Check Also

Cellar Noise – Dietro le quinte del nuovo album

Salve popolo di Hamelin! Qui parlano (o meglio, forse, scrivono) i Cellar Noise, pronti a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *