Home / L'artista racconta / Flower Flesh in studio di registrazione | Diario di bordo – Speciale On the Road

Flower Flesh in studio di registrazione | Diario di bordo – Speciale On the Road

Flower Flesh in studio di registrazione – Diario di bordo, 10 settimanaEbbene sì: questa è una puntata del nostro “making of II album” completamente diversa da tutte le altre. Infatti, racconta tre episodi che non si sono svolti all’interno dell’ormai ben noto studio di registrazione “MazziFactory” di Alessandro Mazzitelli, ma che hanno comunque a che vedere con il disco.

  1. È arrivata da Edoardo Romano la sua collaborazione al brano Owners of Heaven. Ne potete sentire un assaggino in questi video molto “low quality” che alleghiamo, nel quale si può assaporare tutta la magia del flauto contralto di Edoardo. Si tratta di un nome che non ha bisogno di presentazioni: attualmente le sue formazioni più conosciute sono gli Ancient Veil e gli Orchestra Bailam, ma ha prestato i suoi numerosi strumenti a fiato anche per molteplici progetti di Vittorio De Scalzi (New Trolls) e di Fabio Zuffanti, solo per citare due nomi su tutti.
  2. In occasione del concerto milanese della Steve Rothery Band il tastierista dei Flower Flesh Alberto ha incontrato lo storico chitarrista dei Marillion (vedi foto) per parlare un po’ della cover di “White Pass” che farà parte del nuovo album dei cinque liguri (vedi puntate precedenti del nostro video diario). Che cosa si saranno detti Sgarlato e Rothery? Mah… Per adesso non sveliamo molto di più. Un grazie di cuore a Octavia Brown, dello staff di Ver1 Musica, che ha svolto un egregio ruolo di interprete tra un impacciato e imbarazzatissimo Alberto e un divertito Rothery… A tal proposito, ecco, che sveliamo il secondo ospite: sarà proprio Octavia Brown, con la sua pronuncia inglese morbida e affascinante, a recitare la trama del “concept” nella traccia di apertura del nuovo album dei Flower Flesh!
  3. Ci è arrivata in questi giorni la graditissima notizia che siamo menzionati nel volume “Rock Progressivo Italiano 1980 – 2013” pubblicato da Massimo “Max” Salari, voce autorevole del panorama rock nazionale. Questo ci onora molto, ci lusinga e ci fa sperare che questa menzione del nostro primo album, “Duck in the box”, faccia da traino per il secondo.

About Donato Ruggiero

Donato Ruggiero
Membro fondatore e redattore di HamelinProg.com, è archeologo e autore del romanzo noir "Tutto tranne il cane" (0111 Edizioni, 2017) e di diversi racconti pubblicati in varie antologie, nonché chitarrista della band alternative rock Malamente con all'attivo l'album "Stato vegetativo permanente". Appassionato di progressive rock, rock progressivo italiano anni '70, in particolare dei gruppi "minori", e contemporaneo, krautrock, space rock, scuola di Canterbury, avant-prog, rock sinfonico, jazz rock, musica sperimentale e molto altro.

Check Also

Perceptions – Il making of dell’esordio discografico dei Watershape

La band dei Watershape si forma nel 2014 a seguito della mia esperienza negli Hypnotheticall. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *