Frammenti di un razzo cinese potrebbero cadere in Puglia, così come in Australia, Brasile e Gambia

Caricamento del lettore …

Tra sabato e domenica, frammenti di un lanciatore spaziale cinese chiamato Changzheng (CZ-5B) andare a casa in modo incontrollabile a terra dopo la conclusione della missione del veicolo, iniziata il 29 aprile con un lancio dall’isola di Hainan, nel sud della Cina. I giornali italiani ed europei si stanno concentrando sui potenziali pericoli per la popolazione, ma al momento è estremamente improbabile che i frammenti che cadono dal razzo causino danni significativi.

La maggior parte del corpo del lanciatore – rimane solo un pezzo circa 30 metri – si disintegrerà mentre attraversa l’atmosfera ad una velocità di circa 29mila chilometri orari, ma è possibile che alcuni frammenti più grandi raggiungano il suolo, come accadde nel 2020 quando pezzi di un razzo gemello del missile CZ-5B caddero in Costa d’Avorio, senza tuttavia causare feriti o morti.

Aerospace Corporation, un’organizzazione per la sicurezza spaziale finanziata dal governo degli Stati Uniti, ha monitorato il percorso di ritorno del razzo per giorni. La loro ultima ipotesi è che potrebbe scendere a 6.19 domenica 9 maggio in un tratto di mare non lontano dall’Isola del Nord della Nuova Zelanda. È una previsione da prendere con le pinze. Nell’ultima indagine del sistema di sorveglianza spaziale dell’Unione europea, la caduta dei frammenti di CZ-5B dovrebbe avvenire entro una finestra di circa 12 ore tra sabato sera e domenica mattina.

READ  Donald Trump, dodici senatori repubblicani chiedono l'inversione del voto americano

Al momento, il punto esatto della caduta non è nemmeno chiaro. La traiettoria del razzo non essendo in alcun modo controllata dall’uomo e dipenderà da alcuni fattori nei minuti più critici del suo rientro sulla Terra, circolano da giorni mappe che evidenziano la striscia di terra dove potrebbero cadere i frammenti. Anche le regioni dell’Italia meridionale si trovano all’estremità superiore della cintura, ma la possibile zona di rilascio è così ampia da includere tutta l’Africa, il Medio Oriente, gran parte dell’America, dal Sud e dall’Australia. Nel corso delle ore, il gruppo dovrebbe gradualmente ridursi.

Venerdì 7 maggio la Protezione civile italiana ha tenuto una riunione del suo comitato operativo per discutere la possibilità che alcuni frammenti del razzo cadano in Italia. Alla fine dell’incontro è stato rilasciato Un comunicato stampa in cui “è consigliabile tenersi alla larga da finestre e porte in vetro” – anche se non viene specificato un orario preciso, vista l’imprevedibilità dei frammenti in caduta – e segnalare eventuali avvistamenti “alle autorità competenti”.

Lo scopo del razzo CZ-5B era quello di portare il primo modulo della nuova stazione spaziale cinese chiamata Tiangong, che dovrebbe diventare operativo nel 2022.

Il modulo si chiama Tianhe (“armonia del cielo” in cinese, e uno dei modi di riferirsi alla Via Lattea), ha una forma cilindrica con un diametro di 4,2 metri e una lunghezza totale di quasi 17 metri. Sarà la parte centrale della stazione spaziale attorno alla quale verranno ancorati altri moduli nei prossimi mesi. Tianhe contiene tutti i principali sistemi per gestire la distribuzione dell’elettricità ei propulsori per mantenere la stazione in orbita, a un’altitudine di 340-450 chilometri dalla Terra. È stato inserito con successo e in due settimane dovrebbe essere raggiunto di un altro componente della nuova stazione.

READ  Russia travolta dalla variante Delta: 600 morti in 24 ore, mai tanti dal 21 giugno. 98 vittime a Mosca: record dall'inizio della pandemia

Questa non è la prima volta che frammenti di un lanciatore sono tornati sulla Terra dopo aver completato la loro missione, ma alcuni scienziati hanno sottolineato che i razzi della serie CZ-5B sono tra i più grandi mai autorizzati a tornare sulla Terra. ‘Atmosfera incontrollabile, e queste agenzie spaziali di solito prevedono rimpatri controllati per evitare di danneggiare la popolazione civile. Nei giorni scorsi, i giornali cinesi di propaganda di stato hanno tentato di minimizzare l’inconveniente che i frammenti della CZ-5B causano al resto del mondo, spiegando che probabilmente cadrà in acque internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *