Hamelin Prog: Anticipazioni dellultima puntata de I Bastardi di Pizzofalcone del 13 novembre: La figlia di Lojacono in pericolo

Hamelin Prog: Anticipazioni dellultima puntata de I Bastardi di Pizzofalcone del 13 novembre: La figlia di Lojacono in pericolo

Hamelin Prog: Anticipazioni dellultima puntata de I Bastardi di Pizzofalcone del 13 novembre: La figlia di Lojacono in pericolo

“La quarta e ultima puntata de “I Bastardi di Pizzofalcone 4” andrà in onda il 13 novembre su Rai1. Nel nuovo episodio, dal titolo “Inganni”, si verificherà un omicidio all’interno della storica sartoria di Salita Vetriera. Il sarto Nunzio Coppola verrà trovato senza vita con un colpo di forbici.
I Bastardi dovranno mettere in atto tutte le loro abilità investigative per assicurare la giustizia e gettare luce sul mistero che avvolge questa tragica morte. Nel frattempo, il protagonista Lojacono rischierà non solo il suo buon nome, ma dovrà anche affrontare la possibilità che sua figlia, Marinella, sia in pericolo di vita a causa di questa intricata vicenda.
La quarta stagione de “I Bastardi di Pizzofalcone” è stata diretta da Monica Vullo e Riccardo Mosca, che hanno saputo rendere ogni episodio carico di suspense e tensione. Tra gli attori che compongono il cast, troviamo Alessandro Gassmann, Carolina Crescentini, Antonio Folletto, Tosca D’Aquino e Massimiliano Gallo, che con le loro interpretazioni hanno reso ancora più coinvolgente questa serie imperdibile.
“I Bastardi di Pizzofalcone” è ispirata ai romanzi di Maurizio de Giovanni ed è prodotta da Rai Fiction e Clemart srl. La serie ha ottenuto un grande successo di pubblico e critica fin dalla sua prima stagione, grazie alla sua trama avvincente e ai personaggi ben definiti.
Nonostante la conclusione imminente della quarta stagione, i fan della serie potranno ancora avere motivo di speranza, poiché non è ancora ufficiale, ma sembra probabile che ci sarà una quinta e ultima stagione che chiuderà definitivamente questo affascinante capitolo delle avventure dei Bastardi di Pizzofalcone.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *