“Il futuro di Amazon in gioco nelle elezioni brasiliane”

Piroschka du Wouw

Notizie ONS

  • Nina Jurna

    Corrispondente sudamericano

  • Nina Jurna

    Corrispondente sudamericano

Le elezioni di domenica in Brasile non riguardano solo il futuro politico del presidente in carica Bolsonaro, molti credono che sia in gioco anche il futuro dell’Amazzonia, uno dei principali temi elettorali.

Negli ultimi quattro anni, sotto l’estrema destra di Bolsonaro, la deforestazione è aumentata di circa l’80%. Un’agenzia di ricerca brasiliana ha recentemente calcolato che durante il suo regno sono stati abbattuti almeno due miliardi di alberi. Ci sono stati più incendi boschivi e la violenza contro ambientalisti, leader indigeni e giornalisti in Amazzonia è aumentata.

Aveva molto a che fare con la politica di Bolsonaro e le sue opinioni sull’Amazzonia. Sottolinea l’importanza economica della regione e incoraggia le attività agricole e minerarie a scapito degli alberi.

Da quando è entrato in carica, anche la restituzione della terra alla popolazione indigena originaria è stata interrotta, come avveniva in precedenza negli anni ’80 e ’90. L’idea di fondo era che delineando le aree native, la natura sarebbe stata protetta. Negli ultimi anni, taglialegna, cercatori e pescatori illegali si sono sentiti rafforzati dalla retorica e dalla politica di Bolsonaro nei confronti dell’Amazzonia, che ha portato a una crescita delle attività illegali nella foresta pluviale.

Minacce

Per gli ambientalisti ei leader indigeni, la lotta per preservare la foresta pluviale è diventata più pericolosa. La violenza è aumentata: l’anno scorso sono stati uccisi circa 30 attivisti e un numero imprecisato di indigeni. In molti casi, gli autori non sono stati assicurati alla giustizia.

Un’attivista indigena ad alto rischio è anche Alessandra Korap Munduruku (37) della regione centrale di Tapajos, nello stato di Para. È cresciuta intorno al fiume Tapajos e appartiene al popolo Munduruku, che vive nel cuore dell’Amazzonia. A causa della sua lotta contro l’arrivo delle miniere d’oro nella sua regione e del disboscamento intensivo, era considerata un nemico dai taglialegna e dai cercatori d’oro illegali. Hanno fatto irruzione nella sua casa, ha ricevuto minacce di morte e il suo computer e i social media sono stati violati.

READ  "Questo è l'inizio della fine", sperano i manifestanti in Iran

In questo video, parla della sua lotta:

Alessandra Korap lotta per l’Amazzonia e “non si piega”

“Hanno invaso la mia casa due volte. Penso che l’abbiano fatto perché sto calpestando, perché difendo sempre il fiume e la mia gente. Probabilmente mi vedono come qualcuno che si frappone sulla loro strada”, dice. Da qualche anno non vive più nel suo villaggio ma nella città di Santarem, dove studia legge. Alla fine, come avvocato, spera di poter fare ancora di più nella lotta per l’Amazzonia e le popolazioni indigene.

Alessandra Korap Munduruku ha già ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali e non si fa scoraggiare dalle minacce. “Non mi inchino alle grandi imprese o al governo. Continuerò a combattere per il mio popolo”, ha detto. Come molti altri nativi, è molto preoccupata. Se le politiche del governo Bolsonaro continuano, l’Amazzonia non sarà presto salvata, crede. E l’impatto di ciò può essere sentito in tutto il mondo, dice. “Alla fine, l’Amazzonia è affare di tutti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.