Il pubblico ministero esamina il rapporto su una possibile appropriazione indebita di fondi europei da parte di Le Pen

Il pubblico ministero esamina il rapporto su una possibile appropriazione indebita di fondi europei da parte di Le Pen

Il pubblico ministero esamina il rapporto su una possibile appropriazione indebita di fondi europei da parte di Le Pen

La procura francese sta studiando un rapporto dell’agenzia antifrode dell’Unione europea che accusa Marine Le Pen di appropriazione indebita di fondi europei. Lo ha confermato il pubblico ministero dopo aver riferito sui media francesi.

I pubblici ministeri hanno ricevuto una relazione dall’Ufficio per la lotta antifrode OLAF l’11 marzo. Il sito di notizie di Mediapart ha riportato ieri per la prima volta l’esistenza della segnalazione. Direbbe che durante il suo mandato come eurodeputato, tra il 2004 e il 2017, Le Pen ha sottratto 140.000 euro di fondi dell’UE e, insieme ai membri del partito, ha speso in modo inappropriato un totale di 617.000 euro.

Le Pen e membri del suo partito non sono accusati di arricchirsi, ma di utilizzare i soldi per attività non direttamente legate all’Europa, come pagare il proprio personale ei propri eventi. Ad esempio, secondo quanto riferito, ha speso $ 23.000 in materiale promozionale per la sua festa e oltre $ 4.000 in bottiglie di vino per una festa insieme.

Le Pen nega

Le Pen dice tramite il suo avvocato di non sapere nulla di alcuni dei fatti nel rapporto. Le altre attività citate nella relazione erano ben destinate al suo lavoro di eurodeputata, precisa il suo avvocato.

Il presidente del Raduno Nazionale di Le Pen, Jordan Bardella, accusa l’ingerenza europea nelle elezioni francesi. “I francesi non si lasceranno ingannare dai tentativi dell’Unione Europea di influenzare le elezioni presidenziali e danneggiare Marine Le Pen”, ha detto a radio Europe 1.

Le Pen e l’attuale presidente Emmanuel Macron sono impegnati in una feroce battaglia per la presidenza. All’inizio, Macron sembrava pronto a vincere le elezioni abbastanza facilmente, ma le preoccupazioni degli elettori per il rapido calo del potere d’acquisto hanno portato a primo turno elettorale anche votato pesantemente per Le Pen. Il secondo scrutinio decisivo si svolgerà il 24 aprile, durante il quale si dovrà scegliere tra Macron e Le Pen.

READ  Allerta fase 1 in Francia: 'Siamo in guerra contro gli incendi boschivi'

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *