Il super radiotelescopio canadese rileva 500 lampi radio rapidi. “Origine sconosciuta”

Tra i vari obiettivi del Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment (Chime), un radiotelescopio canadese da 16 milioni di dollari situato nella British Columbia, c’è quello di scoprire come si è formato l’universo. Ma studia anche quello che si chiama la radio lampeggia velocemente, emissioni extragalattiche di origine sconosciuta. Dalla sua costruzione, un anno fa, sono stati catturati cinquecento di questi fenomeni.

Segnali misteriosi da una galassia molto lontana, ma ET non c’entra niente

La radio lampeggia velocemente, oppure “Salti radio veloci”, FRB, secondo l’acronimo inglese, sono trasmissioni di onde radio che arrivano all’improvviso e senza alcuna apparente regola di Spazio, per durate generalmente molto brevi, da un millisecondo a pochi millisecondi. Di cosa si tratta? Non sappiamo, potrebbe essere un fenomeno naturale o una trasmissione “artificiale” (sì, gli alieni sono sempre un’ultima ipotesi, per gli scienziati).

Il radiotelescopio Chime, grazie alle sue antenne fisse di nuova generazione, ha finora quadruplicato il numero di lampi radio veloci, anche grazie alla collaborazione con il famoso Massachusetts Institute of Technology (MIT).

Per l’esattezza, le trasmissioni ricevute sono state 535, da luglio 2018 a luglio 2019. Ma i segnali ricevuti sono molto più numerosi e il numero si limita a contare quelli che sono stati correttamente “elaborati”. Questo radiotelescopio viene utilizzato per captare segnali molto antichi, che provengono da dall’alba dell’universo, tra i sei e gli undici miliardi di anni fa. Gli scienziati hanno ora presentato il primo “catalogo” di questi lampi radio alla conferenza dell’American Astronomical Society. “Prima di Chime – ha raccontato al Daily Mail Kaitlyn Shin, ricercatrice del MIT coinvolta nel progetto – erano stati rilevati in totale un centinaio di segnali. Ora ne scopriamo centinaia di nuovi ogni anno. Una volta che ne abbiamo ottenuti quattro in una notte, è stato il mio record personale”.

UFO, anticipazioni CNN: ecco cosa dice l’inchiesta “extraterrestre”

Le origini di queste emissioni sono sconosciute: sono state catturate in aree molto diverse dell’universo, e in alcuni casi hanno avuto origine dalla nostra stessa galassia, la Via Lattea. Fondamentalmente, si dividono in due categorie: i burst radio che tendono a ripetersi e quelli che rimangono casi isolati.

Vita extraterrestre? Ecco cosa ha scoperto la scienza

Ma di cosa si tratta? Il fatto che ci raggiungano, e che riescano a essere raccolti da Chime, significa che provengono da fonti di energia molto potenti. Tuttavia, non conosciamo alcun fenomeno astronomico in grado di generare segnali così ultraveloci e ultrapotenti. Finora nessuna ipotesi è stata esclusa, dalla collisione di stelle ai messaggi creati artificialmente da un’entità aliena.

Il primo flash radio veloce è stato rilevato nel 2001, Ma è stato solo nel 2007 che gli scienziati se ne sono resi conto quando hanno esaminato i dati archiviati in precedenza. Ci vuole tempo per riconoscere questi fenomeni, perché è innanzitutto necessario escludere qualsiasi ipotesi di errore, come un malfunzionamento di una macchina. Tuttavia, gli astrofisici dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics sostengono che, qualunque sia la loro causa, i lampi radio rapidi possono essere utilizzati per studiare la struttura e l’evoluzione dell’universo.

READ  Coronavirus, i contagi a Cesenate restano sotto i 100. Piangono altre 5 vittime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *