“Il vaccino non blocca Omicron, cosa accadrà tra 30 giorni”. Il modello matematico, abbiamo finito? – Gratuito tutti i giorni

Tempi bui e scenari ancora più bui, quelli descritti dal professore Francesco broccolo dell’Università Statale di Milano a una spazzata, il programma di Corrado Formigli In onda su La7, la puntata è quella di giovedì 16 dicembre. Parliamo di Covid, vaccino, mutazioni e Variante Omicron. E l’esperto, non certo un no-vax, svela tutti i suoi dubbi: “Sapete qual è il vero problema? Il vero problema è che continuano ad arrivare nuove varianti che sfuggono agli anticorpi attivati ​​dai vaccini e che richiedono di essere costantemente ricordate. , per passare da dodici, a nove, a sei e ora a tre mesi. È la verità, non abbiamo un’alternativa che blocchi l’ingresso del virus”, ha detto Broccolo.

Quando Formigli gli chiede quale potrebbe essere l’alternativa, risponde: “Senza dubbio, mantieni le mascherine, il distanziamento. Ora iniziamo a ricordare perché capiamo che Omicron sta arrivando. Ma arriva in modo potente e forte: i modelli matematici ci dicono che in 30 giorni saremo quasi completamente Omicron, che ha più di 35 mutazioni, e tutti sono a posto. Sappiamo già che sfuggirà agli anticorpi sia di chi ha avuto l’infezione naturale sia di chi è stato vaccinato. I vaccinati avranno subito una protezione parziale. E malattia, speriamo…”, sospira.

E ancora: “Il problema non è Omicron in sé che sembra dare una manifestazione molto lieve. Il problema è che non prevediamo il futuro: Omicron infetterà i neonati e non sappiamo cosa accadrà, pazienti con Delta e che non sappiamo se ci sarà ricombinazione e genererà una nuova variante, non abbiamo vaccinato l’Africa. Questi sono i veri problemi”, ha concluso Broccolo. Prospettive, come detto nell’introduzione, a colori scuri.

READ  Astrazeneca, l'atteggiamento da leader: così Draghi mette ordine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *