La nave che ha inviato un avviso di iceberg al Titanic è stata trovata sul fondo del Mare d’Irlanda

“In passato, avremmo potuto immergerci in alcuni siti all’anno per identificare visivamente i relitti. Le capacità uniche del sonar del principe Madog ci hanno permesso di sviluppare un modo relativamente economico per studiare i relitti. “Possiamo inserire questo in informazioni storiche senza costose risorse fisiche interazione con ogni sito. Questo dovrebbe essere di immenso interesse per scienziati marini, agenzie ambientali, idrografi, gestori del patrimonio, archeologi marittimi e storici.

“Le competenze e le risorse uniche di cui disponiamo all’Università di Bangor, come Prince Madog, ci consentono di condurre ricerche scientifiche di alta qualità in un modo estremamente conveniente”, ha affermato il dottor Michael Roberts, che ha condotto gli studi sui sonar presso l’Università di scienze applicate della Scuola di Scienze dell’Oceano dell’Università di Bagnor.

“L’identificazione dei relitti per studi di impatto storico e ambientale, come quelli descritti nella pubblicazione, è solo un esempio. Abbiamo anche studiato i siti dei relitti per saperne di più su come gli oggetti del fondo marino interagiscono con i processi fisici e biologici, il che potrebbe aiutare gli scienziati a sostenere il sviluppo e crescita del settore dell’energia marina”, ha affermato Roberts.

READ  Quanto tempo ci vuole prima che il nucleo della Terra esaurisca il carburante?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.