La Turchia bombarda i villaggi in Siria “per rappresaglia” per l’attacco di Istanbul |  All’estero

La Turchia bombarda i villaggi in Siria “per rappresaglia” per l’attacco di Istanbul | All’estero

La Turchia bombarda i villaggi in Siria “per rappresaglia” per l’attacco di Istanbul |  All’estero

Sabato notte la Turchia ha bombardato le comunità vicino alla città di Kobani, nel nord della Siria. Indicano le forze democratiche siriane (SDF) e una ONG. La Turchia ha annunciato martedì che avrebbe effettuato attacchi contro obiettivi legati al Partito dei lavoratori curdi (PKK) dopo il recente attacco a Istanbul. Sei persone sono state uccise e più di ottanta ferite.

Secondo il governo turco, dietro l’attacco a Istanbul potrebbero esserci il PKK e il gruppo militante siriano-curdo YPG. Il PKK nega.

Le SDF sostenute dagli Stati Uniti riferiscono che due villaggi densamente popolati nel nord della Siria sono stati colpiti dai bombardamenti. Almeno sei combattenti curdi delle SDF sono stati uccisi, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Sono stati uccisi anche sei combattenti del campo del regime in Siria. Nulla si sa ancora dei danni materiali.

La Turchia non ha ancora confermato ufficialmente di essere dietro i bombardamenti in Siria. Ma il ministero della Difesa turco ha affermato in un post su Twitter che “è giunto il momento della rappresaglia”. Questo titolo era su una foto di un jet da combattimento in decollo. Poco dopo, l’account ha anche pubblicato un breve video di un apparente bombardamento.

Secondo fonti della difesa turca dell’agenzia di stampa Bloomberg che hanno il permesso per i bombardamenti dalla Russia, che controlla parti dello spazio aereo siriano.

READ  Oekrainers protesta a Charkov tegen 'Russische agressie'

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *