LA VERITÀ DI PIRLO

Andrea Pirlo ha espresso alcuni concetti molto sinceri ma anche chiari che la Juventus ha mostrato in queste partite. Le sensazioni che abbiamo avuto dall’esterno hanno avuto anche l’allenatore e c’è la sensazione che ci sia molto da migliorare ma anche, purtroppo, l’assenza di settimane e giorni per poter fare un lavoro specifico.
SOLIDITÀ – abbiamo detto più volte che questa Juventus manca di solidità e che troppo spesso gli avversari attaccanti incrociano troppo facilmente creando pericolo. Andrea Pirlo la vede così: “C’è una mancanza di solidità nel recupero del pallone, in fase difensiva, siamo la squadra che ha subito meno gol dopo il Napoli, ma se si vuole fare una partita d’attacco lo è normale che tu possa avere un po ‘più di rischio. in fase difensiva vogliamo offrire un gioco più offensivo quindi è normale che in alcune partite potremmo subire qualche opportunità in più, ma è importante continuare su questa strada e per migliorare giorno dopo giorno per cercare di trovare il miglior assetto “.

Va bene fare una partita d’attacco, ma alla fine i pochi gol subiti dipendono anche dagli avversari incontrati e dal fatto che la Juventus ha vinto contro una squadra che ha fatto di tutto per non giocare, quindi i dati sono parziali. Contro Roma e Barcellona hanno subito due gol a partita ma avrebbero potuto essere di più, su questa questione va aperta una riflessione.

IL CENTROCAMPISTA – La seconda grossa lamentela è il centrocampista, il reparto più criticato che subisce più inchieste con giocatori finali non all’altezza. Bentancur, Rabiot, MCKennie, Arthur e Ramsey devono dimostrare di essere all’altezza del compito. I giocatori devono ancora trovare le giuste affinità anche secondo Pirlo: “Ci vuole l’amalgama tra i giocatori, ci vuole tempo per capirsi nei movimenti in campo e per trovare le giuste distanze, poi si lavora sul fatto del ri – aggressività che è una cosa che i giocatori devono avere in testa, non appena la palla è persa ci deve essere un nuovo attacco immediato che faciliterebbe i difensori ed i centrocampisti ”.

READ  Coronavirus, Genova conferma 14 positivi. Annuncio Spadafora

PICCOLO ALLENAMENTO, NESSUNA PRESSIONE – Andrea Pirlo ha ragione su una cosa, ha messo a disposizione i ragazzi per poco tempo e non ha saputo esprimere troppo i suoi concetti e le sue idee. Ci vuole tempo, ma il problema è che il tempo non è infinito: “Dopo 70 giorni che sono qui, mi sono allenato 22/23 giorni e un mese è stato con le nazionali, quindi abbiamo avuto poco tempo disponibile e non con tutti i giocatori, quindi è normale che non ci sia fluidità di gioco e magari alcune posizioni ancora non vanno al 100% ma siamo soddisfatti, non dei risultati, ma l’approccio dei giocatori e la voglia di mettersi a disposizione ”.

Ma Pirlo è consapevole di una cosa, le pressioni ci sono, così come le responsabilità. Sapeva benissimo che allenare la Juventus non sarebbe stato facile e che ci sarebbero state delle difficoltà “Non sono sorpreso dalla pressione, prima c’erano e ora sono 20 anni che gioco e quindi ho ancora sono stato sotto i riflettori con la pressione e la responsabilità di È qualcosa che non mi sorprende in realtà mi fa venire voglia di fare sempre meglio ed essere in grado di fare quello che ho in mente. Sono calmo e j ho continuato a fare il mio lavoro e continuerò a farlo fino alla fine.
Tanta voglia di fare bene per Pirlo e soprattutto di dimostrare che la Juventus può restare e che può vincere, non vuole essere il primo e l’unico allenatore a fallire dopo nove anni di vittorie e non vuole che lo facciamo. Ricordo l’allenatore che fallì l’assalto al decimo titolo consecutivo.

I motivi sono mille, Pirlo è sincero, conosce le responsabilità e gli onori e da oggi vuole che una nuova stagione inizi con risultati finalmente bianconeri.

READ  Polemica sulla vittoria del Real Madrid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *