Nel caos dell’Ajax, Ouaali continua ad allenarsi stoicamente: “Peccato l’affare Brobbey”

Nel caos dell’Ajax, Ouaali continua ad allenarsi stoicamente: “Peccato l’affare Brobbey”

Nel caos dell’Ajax, Ouaali continua ad allenarsi stoicamente: “Peccato l’affare Brobbey”
Saïd Ouaali, responsabile della formazione giovanile dell’Ajax

Calcio NOSTRO

  • Sam Porskamp

    segue l’Ajax per conto di NOS Sport

  • Sam Porskamp

    segue l’Ajax per conto di NOS Sport

È raro che Saïd Ouaali, capo del settore giovanile dell’Ajax, rilasci un’intervista. Perché, secondo lui, sono gli attori che dovrebbero essere sul palco, non le persone che li circondano. Con l’avvicinarsi della Future Cup, che si concluderà questo fine settimana di Pasqua, il boss della celebre formazione fa un’eccezione.

I preparativi per il prestigioso torneo giovanile sono in pieno svolgimento al De Toekomst venerdì quando Ouaali si siede nel suo ufficio. Dietro di lui ci sono immagini di giovani giocatori che hanno fatto colpo alla Future Cup e poi hanno fatto irruzione nella prima squadra dell’Ajax. Matthijs de Ligt, Ryan Gravenberch, Noussair Mazraoui, Donny van de Beek, Abdelhak Nouri e Sergiño Dest sono i nomi più noti.

“Il muro sta diventando sempre più pieno, quindi non posso che essere contento di questo. Il nostro obiettivo principale è e rimane quello di portare quanti più giocatori possibile alla prima squadra. Circa due o tre a stagione”.

Photo wall di Saïd Ouaali nel suo ufficio a De Toekomst

L’Ajax sta vivendo un anno turbolento e deludente, con incertezza in molte aree. L’allenatore John Heitinga ha espresso preoccupazione la scorsa settimana per la mancanza di decisioni tecniche.

Con la nomina di Jan van Halst a Football Commissioner e l’imminente arrivo del direttore tecnico Sven Mislintat, posizioni sempre più importanti vengono ricoperte all’interno dell’organizzazione.

“Posso solo concordare sul fatto che c’è bisogno di riposo. Ma all’Ajax è stato spesso frenetico, quindi ci sono abituato. Non influisce molto sul mio lavoro. Ci concentriamo sulla preparazione dei talenti”.

vivere nell’istruzione

“Ho potuto mettere subito in pratica lì la teoria che ho imparato a scuola. Solo allora ti sarà utile”, dice Ouaali, che oltre al suo lavoro per l’Ajax insegna anche ogni mercoledì in una scuola per bambini . che sono difficili da allevare.

Saïd Ouaali e l’ex allenatore Erik ten Hag

È entrato all’Ajax come allenatore delle giovanili nel 2012, poi è diventato il coordinatore della sovrastruttura e ha guidato la squadra dal 2016. Ouaali era inizialmente il successore temporaneo di Wim Jonk, che ha lasciato dopo una rissa. “Dennis Bergkamp è venuto a trovarmi dopo qualche mese e mi ha detto che era molto soddisfatto. Mi ha chiesto se ero interessato a un posto fisso. L’ho visto come un grande onore”.

Avversione per gli intrighi

Ouaali, oggi 53enne, contrario agli intrighi e ai giochi di potere che prima o poi nascono all’Ajax, è un faro di pace all’interno dell’organizzazione. Persegue stoicamente la sua missione di tenere in primo piano il settore giovanile dell’Ajax. E con successo: nel 2022, la squadra di Amsterdam ha guidato per la seconda volta consecutiva la lista dei giocatori più allenati nella competizione per club più alta d’Europa (85 giocatori).

“Va bene, ovviamente, ma non è il nostro obiettivo principale”, afferma Ouaali. Quando è stato nominato, il direttore generale Edwin van der Sar gli ha affidato il compito più importante di garantire che i giocatori facilitassero il passaggio alla prima squadra. C’era ancora da guadagnare lì.

“Penso che abbiamo fatto abbastanza bene. Se guardi agli ultimi anni, un certo numero di talenti ha sfondato ogni volta, alcuni dei quali ora giocano nei migliori club. Il giovane Ajax è molto importante in questo senso”. i giocatori sono davvero temprati, il che significa che il passaggio alla Premier League è minore. Tutti i giocatori che sono dietro di me qui hanno prima fatto esperienza a Jong e poi sono passati al primo”.

READ  La bici in TV 2023 | Presto per il tubo per Van Vleuten e Kopecky, poi per gli uomini in Strade Bianche
Donny van de Beek e Matthijs de Ligt

L’intenzione è ancora quella di interpretare De Toekomst basato sulla filosofia di Johan Cruijff, dice Ouaali. Cruijff vide che le cose stavano andando male con il suo club tredici anni fa e scatenò una cosiddetta Rivoluzione di Velluto. L’Ajax ha dovuto tornare al nucleo ed è iniziato con la pietra angolare del club: il settore giovanile. Una parte importante del piano era che l’attenzione fosse sull’individuo e meno sul processo di squadra.

“Ovviamente è positivo che il giovane Ajax sia diventato campione della Premier League qualche anno fa, ma non di più. Siamo davvero felici qui solo quando un giocatore sfonda in Premier League, ha il suo valore per l’Ajax 1 e poi ha un bel può fare un passo”.

Incubo

A volte va anche male. Ad esempio, Brian Brobbey è arrivato nelle giovanili dell’Ajax e ha anche fatto il suo debutto in prima squadra. Ma quando l’Ajax voleva davvero raccogliere i frutti, Brobbey ha scelto una strada diversa. L’attaccante ha lasciato l’RB Lipsia a parametro zero.

L’estate scorsa l’Ajax ha deciso di acquistare Brobbey, che non si è divertito molto in Germania, per oltre sedici milioni di euro. Un incubo per qualsiasi educatore.

Brian Brobbey e Steven Berghuis

“Certo che sono deluso. Ma questa scelta spetta in ultima analisi al giocatore. Facciamo tutto il possibile per rendere e mantenere un giocatore il più felice possibile. Ma bisogna anche considerare che alcuni giocatori sognano un certo club o una certa carriera. Se si presenta un’opportunità del genere, non c’è molto che tu possa fare al riguardo.

Ouaali e il suo team lavorano costantemente per prevenire casi come Brobbey in futuro. “Esaminiamo criticamente noi stessi come possiamo impedire una partenza anticipata. Ad esempio, offrendo loro rapidamente un contratto. Ma a volte non c’è proprio modo di fermarlo. Ci sono anche esempi di giocatori che lasciano in età ancora più giovane. Ma ci ci sono anche tanti giocatori che tornano all’Ajax dopo qualche anno, anche questo significa qualcosa”.

READ  Il giocatore della NFL Hamlin si sveglia dopo un arresto cardiaco e mostra un "notevole" miglioramento | Sport Altro

Nessuna prospettiva per Ünüvar

Ritorna alla parete della galleria dietro Ouaali. C’è anche la foto di Naci Ünüvar, una delle mele del settore giovanile da anni. La stagione in corso doveva essere la sua ultima svolta, ma poiché non vedeva prospettive, è stato deciso di ingaggiarlo dal Trabzonspor turco.

“I giovani non sono stati seguiti abbastanza l’estate scorsa? Non credo. Penso che giocatori come Kenneth Taylor e Devyne Rensch siano passati di nuovo quest’anno. Jorrel Hato sta arrivando. Non mi preoccupo per questo”.

Ouaali in conversazione con l’ex direttore degli affari calcistici Marc Overmars (2018)

Tuttavia, soprattutto nell’ultimo anno, la politica di acquisto dell’Ajax è stata criticata. Giocatori come Lucas Ocampos, Florian Grillitsch e Lorenzo Lucca hanno dimostrato di non essere un rinforzo diretto e ostacolerebbero talenti come Ünüvar, ma anche Anass Salah-Eddine, che è in prestito dall’FC Twente in questa stagione e sta facendo bene lì.

“L’Ajax vuole competere per i premi al più alto livello. L’equilibrio tra prestazione e allenamento crea sempre tensione, come era anche il caso durante il periodo di Marc Overmars. Le discussioni che abbiamo su questo non sono l’ho detto a volte che Preferirei vedere undici giovani in base, ma non è realistico. Il mio compito è difendere il settore giovanile, che rimane la capitale del nostro club”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *