“Per l’Italia 6,5 ​​milioni di dosi aggiuntive”

L’Italia riceverà più dosi di vaccino del previsto nel secondo trimestre del 2021. “Nel secondo trimestre ci sono 6,5 milioni di dosi di vaccino in più per l’Italia tra aprile e giugno, per un totale di 54 milioni di dosi. C’è un’accelerazione. , questo è più di 3 volte rispetto a quanto ricevuto nel primo trimestre ”, spiega Thierry Breton, il commissario europeo responsabile della fornitura di vaccini, a Che tempo che fa.


Leggi anche

“Nell’agosto dello scorso anno nessuno sapeva come avrebbe funzionato un vaccino. Abbiamo firmato una serie di contratti, avevamo 106 proposte e ne abbiamo scelte 6: sono già stati approvati 4 vaccini, nei prossimi 3 mesi speriamo di avere anche Sanofi. AstraZeneca avrebbe dovuto erogare 100 milioni di dosi nel primo trimestre e 180 nel secondo, se avessero rispettato gli impegni, le cose sarebbero andate bene ”, ha detto senza compromettere il rinnovo del contratto con l’azienda anglo-svedese.

Breton è il “padre” del passaporto europeo per le vaccinazioni, che dovrebbe arrivare a giugno. “Perché vogliamo creare questo certificato digitale da metà giugno o fine giugno? Lo facciamo quando c’è un aumento del numero di persone vaccinate, deve essere un numero significativo. L’obiettivo della Commissione Europea per la somministrazione di vaccini è di avere abbastanza vaccini entro il 15 luglio, “in modo che oltre il 70% della popolazione adulta possa aver ricevuto la seconda dose, non solo la prima”, ha detto.

“Con questa soglia, possiamo creare il certificato. Ci sarà lo stato di vaccinazione o se il soggetto ha anticorpi dopo aver avuto il covid. Se la persona non rientra in nessuna delle due categorie, dovrebbe sottoporsi a un test molecolare. Questo certificato sarà volontario e non obbligatorio, ma se avremo più del 70% della popolazione vaccinata, sarà molto importante poter riaprire tutti i luoghi pubblici e ricominciare una vita normale “, ha detto, sottolineando l’impegno di l ‘Unione: “L’UE è il più grande produttore di vaccini con gli Stati Uniti nel mondo. Lavoriamo in armonia con gli Stati Uniti d’America. Ottenere i vaccini è molto complicato. In 10 mesi, abbiamo fatto ciò che di solito viene fatto in 3-4 anni. La pandemia non conosce confini, esportiamo il 40% delle dosi di vaccino perché vogliamo prenderci cura anche dei paesi vicini, perché è nel nostro interesse. Questa è l’Europa e dovremmo esserne orgogliosi: non è solo quella che deve e deve portare il peso della storia ”.

READ  Covid, Johnson annuncia il blocco in Gran Bretagna: "Restate a casa. Scuole chiuse"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *