Home / Recensioni / PRP – Rubber Sun

PRP – Rubber Sun

PRP (2018) Rubber SunPRP

Rubber Sun (2017)

Autoproduzione

Dopo due singoli pubblicati a nome Grus Paridae, Petteri Kurki (chitarra, basso, sintetizzatori, batteria e percussioni digitali, voce) e Rami Turtiainen (chitarra, sintetizzatori, batteria e percussioni digitali, voce), debuttano con il loro side-project PRP.

Il progetto parallelo nasce come necessità di creare un nuovo e adeguato “contenitore” in cui racchiudere i brani realizzati dai Grus Paridae che si discostano, però, dalle atmosfere dello stesso progetto “madre”. Ed è così che, sul finire del 2017, il duo finlandese ha pubblicato Rubber Sun, lavoro dedicato a tutte le persone che stanno lottando con problemi di salute mentale e a coloro che soffrono di malattie incurabili.

Come già successo in occasione dei lavori dei Grus Paridae, anche in questo caso Turtiainen dona il suo tocco ermetico alla parte grafica.

L’EP si apre con Rubber Hands. Posizionato il “rullo compressore” nelle retrovie, i PRP si lanciano in corpose andature in cui, soprattutto nel canto e nell’assenza di “luce”, s’incontrano Joy Division e The Cure. Grande spazio è affidato agli assoli chitarristici condivisi dal duo e alle tastiere glaciali.

Con SunSon i PRP alzano l’asticella. I primi minuti sono un crescendo tensivo dalle tinte kraute (e velature floydiane). Poi la chitarra acustica fa deviare per breve tempo la traiettoria del brano, rimesso in carreggiata ben presto dalle alienanti soluzioni messe in campo da distorsioni e tastiere (che richiamo in parte l’intro). Infine, l’episodio deflagra. Lungo il tragitto, da segnalare, la presenza di sensazioni beatlesiane.

Un primo assaggio di un potenziale che c’è e che è stato già messo in mostra, in parte, con l’altra “faccia della medaglia” del progetto.

Per maggiori info: https://www.facebook.com/PRPprog

Fotogallery

  • PRP – Rubber Sun
  • PRP – Rubber Sun
  • PRP – Rubber Sun

About Donato Ruggiero

Donato Ruggiero
Membro fondatore e redattore di HamelinProg.com, è archeologo e autore del romanzo noir "Tutto tranne il cane" (0111 Edizioni, 2017) nonché chitarrista della band alternative rock Malamente con all'attivo l'album "Stato vegetativo permanente". Appassionato di progressive rock, rock progressivo italiano anni '70, in particolare dei gruppi "minori", e contemporaneo, krautrock, space rock, scuola di Canterbury, avant-prog, rock sinfonico, jazz rock, musica sperimentale e molto altro.

Check Also

Hillmen – The Whiskey Mountain Sessions, Vol​.​II

HILLMEN The Whiskey Mountain Sessions, Vol​.​II (2018) Firepool Records BMI 16 marzo 2018, a sette …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *