questo è ciò che i tedeschi pensano del loro cancelliere

PAPÀ

  • Charlotte Waaijer

    Corrispondente dalla Germania

  • Charlotte Waaijer

    Corrispondente dalla Germania

È saggio, attento, lento o arrogante? Mentre molti tedeschi hanno ancora difficoltà a conoscere il loro Cancelliere un anno dopo le elezioni, la sua immagine è sempre più inclinata a suo favore.

Grazie anche alla sua secca riluttanza, che gli ha permesso di dire poco durante la campagna elettorale, Olaf Scholz ha ottenuto una vittoria di misura con il suo partito. Ha detto poco sbagliato, sembrava la scelta più sicura, il più piccolo cambiamento dopo 16 anni di Merkel.

Ma dalla guerra in Ucraina, i problemi in Germania si sono accumulati. Il governo deve affrontare scelte difficili su forniture di armi, sanzioni e bollette energetiche elevate. È proprio il modo in cui comunica il Cancelliere federale che spesso è cattivo, soprattutto con i giornalisti.

Il maschio Merkel

“Voleva diventare l’uomo della Merkel. Ma è arrivata la guerra ed è diventato irrequieto”, spiega Lars Haider. Il giornalista ha seguito Scholz per dieci anni, lo ha incontrato più di 150 volte e ha scritto una biografia su di lui. “Era uno Scholz che non conoscevamo ancora. Non sapeva bene cosa fare. Cosa succede se consegno armi in Ucraina adesso?

Questa riluttanza non era per niente. “Ora sappiamo che Scholz temeva che Putin avrebbe attaccato la Germania o la NATO. E che non voleva passare alla storia come il cancelliere che per negligenza ha causato la guerra”.

Reuters

Olaf Scholz in conversazione con cittadini tedeschi a Essen.

Allo stesso tempo, è convinto di se stesso. “Un sapientone. E in generale, in realtà ne sa più degli altri. La domanda è: ascolta gli altri? Ha detto Haider. La sua impressione: “Generalmente no”.

Non aiuta che possa irritarsi molto quando le domande dei giornalisti non lo attraggono. Un esempio noto è la conferenza stampa successiva al vertice del G7 presieduto dal Cancelliere tedesco lo scorso giugno.

Un giornalista ha chiesto a Scholz se poteva dire concretamente cosa comportassero le promesse di sicurezza fatte all’Ucraina. “Sì”, ha risposto. “Potrei.” E dopo un lungo silenzio e una risata, “Ecco fatto”.

Robot politico

Sembra arrogante e maleducato, pensa Tina Hassel. In qualità di capo della redazione parlamentare dell’emittente pubblica tedesca ARD, conduce regolarmente importanti interviste con il Cancelliere federale. “È questo il rispetto di cui hai tanto parlato durante la campagna elettorale?” lei lo ha presentato prima.

“Quando dico rispetto, intendo gli addetti alle pulizie e gli operai che lavorano sodo”, ha detto Scholz. “Inoltre”, ha detto, “era già la terza volta che mi è stata fatta quella domanda”. Risposte asciutte a ripetute domande: questo gli è valso il soprannome di “Scholz-o-mat”, il politico robot.

“Dice che non ha bisogno di hobby per rilassarsi perché non si irrigidisce. È sempre calmo e ha il controllo”, ha detto Haider. Ma questo ha anche un aspetto negativo. “Sembra un po’ insensibile. Ma pensa che un cancelliere non dovrebbe mostrare i suoi sentimenti. Io sono un cancelliere, non un direttore di circo, ha detto una volta”.

Reuters

Robert Habeck e Olaf Scholz.

Molto più popolare negli ultimi tempi è stato il vicecancelliere tedesco e ministro dell’economia Robert Habeck. Appare continuamente in video autoregistrati per spiegare le scelte complicate e dolorose che il governo deve fare in merito alle riserve di gas e alla nazionalizzazione delle compagnie energetiche. All’interno del gruppo di Scholz lo chiamano beffardamente “Erklärbär”, un orso esplicativo, anche una figura in uno sketch comico tedesco.

infelice

Ora che il governo deve persuadere le persone a risparmiare energia a causa della crisi energetica, anche Habeck non ha paura di dare consigli per risparmiare. Quando a Scholz viene poi chiesto in un’intervista se ha qualche consiglio, la sua risposta è breve: “No”.

È anche il suo umorismo da Amburgo, pensa Hamburger Haider. “Ma posso ben immaginare che non lo capiscano nel resto della Germania e nel mondo”.

Hassel vede una grande differenza tra il modo in cui il cancelliere è percepito all’interno e all’esterno del governo. “Gli stessi partiti al potere dicono: il cancelliere guida, ma in secondo piano. Solo che non è percepito in questo modo”.

In ogni caso, l’opinione di Scholz è crollata nei sondaggi. Mentre prima della guerra la maggioranza pensava ancora che stesse facendo bene il suo lavoro, un recente sondaggio mostra che il 62% dei tedeschi è scontento del Cancelliere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.