Ricerca: in particolare i cittadini benestanti beneficiano di una compensazione energetica |  Finanziario

Ricerca: in particolare i cittadini benestanti beneficiano di una compensazione energetica | Finanziario

Ricerca: in particolare i cittadini benestanti beneficiano di una compensazione energetica |  Finanziario

Secondo i ricercatori, la maggior parte (660 milioni di euro) dei 2,1 miliardi di euro che il governo sta stanziando per tagliare le tasse sui carburanti e sull’energia andranno al 20% più ricco dei paesi.

reddito medio

Il ministro delle finanze Sigrid Kaag ha affermato che la riduzione dell’IVA e delle accise sulla benzina è destinata principalmente a soddisfare i cosiddetti redditi medi, ma questo gruppo riceverà un totale di 418 milioni di euro, ovvero un quinto del pacchetto di sussidi. “Le persone con i redditi più alti sono relativamente ben pagate in questo modo”, afferma Frans Rooijers nel rapporto. È ricercatore e direttore della società di consulenza CE Delft, che ne ha verificato il calcolo.

Le famiglie con i redditi più bassi (fino a 22.600 euro all’anno) ricevono complessivamente 240 milioni di euro. Sono quelli che beneficiano meno delle riduzioni fiscali. I più poveri, i cosiddetti minimi intorno al livello di welfare, ricevono un’indennità una tantum per l’energia di 800 euro. Ciò non vale per le altre 800.000 famiglie della fascia a reddito più basso, che hanno un reddito compreso tra il livello di welfare e uno stipendio annuo di 22.600 euro.

“Solo non il minimo”

Le differenze sorgono perché, secondo i ricercatori, il provvedimento del governo è in realtà uno sconto sul prezzo di benzina, gasolio, gas ed elettricità. Le famiglie povere consumano in media meno carburante ed energia rispetto alle famiglie ricche e quindi vedono un ritorno relativamente minore sull’assistenza del governo.

Il gruppo “quasi non minimo”, in particolare, cade tra due sgabelli a causa delle misurazioni dell’armadio, spiega Rooijers. Dovranno far fronte a notevoli aumenti delle tasse, ma beneficeranno poco delle misure.

READ  Ecco la valanga di lettere: cosa cercano il fisco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *