Home / L'artista racconta / “Rinunci a Satana?” – Il making of dell’esordio discografico dei Rinunci a Satana?

“Rinunci a Satana?” – Il making of dell’esordio discografico dei Rinunci a Satana?

“Rinunci a Satana” – Il making of dell’esordio discografico dei Rinunci a SatanaL’idea era dare forma a tutta una serie di materiale che avevo accumulato nel corso di svariato tempo. Riffs, hooks e licks troppo bluesy, movimentati e caciaroni per poter essere utilizzati nel Babau e i maledetti cretini. Coinvolgere Marco mi è parso quanto di più logico potessi pensare. Il suo modo di menare i tamburi nella Fuzz Orchestra ne faceva la persona adatta a creare il drumming ideale per una hard-rock band di matrice ’70s.

L’intesa musicale è stata da subito immediata proficua e ispirata. In poco tempo ci è parsa scontata la formazione a due, agile e compatta. Entrambi non abbiamo buone voci di conseguenza niente cantato.

Nel giro di sei mesi siamo riusciti a elaborare abbastanza materiale per i primi sporadici live. In ottobre ’13, Fabio Intraina, proprietario-fonico del Trai Studio di Inzago (MI) e ormai “storica” figura per numerosi gruppi underground dell’hinterland milanese, interessato alla nuova creatura, si è offerto di diventare di fatto produttore artistico ed esecutivo del primo album dei RaS?.

L’opportunità, insperata e ghiotta, anticipava le nostre intenzioni, eticamente eravamo, inoltre, concordi nel registrare in diretta il più possibile e così abbiamo fatto. Il coinvolgimento in tre brani di Lorenzo Trentin e la sua armonica, completa il quadro degli addetti ai lavori in studio. Le sessioni sono state frazionate (per non gravare ulteriormente sulle tasche di Fabio abbiamo utilizzato i “ritagli di tempo” dello studio) in un arco di dieci mesi. Complessivamente abbiamo impiegato tre giorni per le incisioni e tre per il mixaggio. Maurizio Giannotti al Newmastering Studio, chiude il master dell’album ai primi di ottobre ’14. L’efficace e azzeccata grafica, dettagli rubati alla pala d’altare di Issenheim di Grünewald, è stata pensata e realizzata da Fabio “Fié” Ferrario, eclettico citazionista-rumorista della Fuzz Orchestra. La foto interna, realizzata sulla “via vicinale dell’Inferno” di Vignate (MI) è opera di Andrea Bordoni, fotografo e bassista degli Psicotaxi.

L’album, licenziato nel settembre ’15, ha trovato l’appoggio di: Il Verso del cinghiale Records di Alberto “Pirti” Messaggi, Wallace Records di Mirko Spino e di E io pago Records, ovvero l’etichetta di tutti i gruppi che si autofinanziano.

Damiano Casanova, gennaio 2016

Rinunci a Satana?: è un power duo del milanese nato nel febbraio 2013 dalla commistione tra: Damiano Casanova (Il Babau e i maledetti cretini) chitarra e Marco Mazzoldi (Fuzz Orchestra e Bron y Aur) batteria. Suona un hard/heavy-rock strumentale scheletrico, datato e demodé. Con piedi ben saldi nelle paludi del folk-blues e testa per aria, a ciondolare nell’etere della psichedelia e del progressive.

About Donato Ruggiero

Donato Ruggiero
Membro fondatore e redattore di HamelinProg.com, è archeologo e autore del romanzo noir "Tutto tranne il cane" (0111 Edizioni, 2017) e di diversi racconti pubblicati in varie antologie, nonché chitarrista della band alternative rock Malamente con all'attivo l'album "Stato vegetativo permanente". Appassionato di progressive rock, rock progressivo italiano anni '70, in particolare dei gruppi "minori", e contemporaneo, krautrock, space rock, scuola di Canterbury, avant-prog, rock sinfonico, jazz rock, musica sperimentale e molto altro.

Check Also

Perceptions – Il making of dell’esordio discografico dei Watershape

La band dei Watershape si forma nel 2014 a seguito della mia esperienza negli Hypnotheticall. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *