Riparte il World Economic Forum: perché questo club sembra essere contrario? † ADESSO

Il World Economic Forum (WEF) si apre domenica a Davos, in Svizzera. Per la prima volta in due anni, leader mondiali, uomini d’affari e opinionisti si incontreranno di nuovo di persona per discutere gli sviluppi politici ed economici. Con circa 2.500 partecipanti per lo più molto ricchi, è un club di appuntamenti molto esclusivo, che ha suscitato critiche e sospetti.

Fondato nel 1971, il WEF afferma di essere un’organizzazione internazionale indipendente che riunisce persone che possono fare la differenza. È anche un club dove si incontrano persone della politica, degli affari e della cultura, purché intraprendenti.

Non significa che sei appena entrato. Le opzioni di iscrizione sono limitate alle prime mille aziende del mondo. La quota associativa annuale può ammontare a circa 500.000 euro.

Il modo in cui il WEF vede il ruolo di queste aziende è delineato nell’ultimo Manifesto del WEF del 2020. In poche parole, l’organizzazione vuole che le aziende paghino le tasse in modo equo, estirpino la corruzione e si impegnino a rispettare le regole del gioco equo. Devono anche prendersi cura dei diritti umani, non solo all’interno della propria organizzazione, ma lungo tutta la catena di approvvigionamento.

Serata esclusiva

Questi sono tutti obiettivi nobili. Ma secondo il giornalista Peter S. Goodmanche da più di dieci anni si occupa di WEF, c’è una grande differenza tra il messaggio che viene veicolato e il modo in cui alcuni partecipanti al concorso.

Nel suo libro pubblicato all’inizio di quest’anno Davos Man: Come i miliardari hanno divorato il mondo Goodman descrive come un certo numero di capitalisti di rischio partecipi per la prima volta diligentemente a una conferenza sulla tratta di esseri umani, solo per congratularsi a vicenda per l’invito a una festa di un oligarca russo che ha portato donne lavoratrici dal sesso aereo.

READ  Elicotteri in volo e documenti distrutti: Usa pronto per evacuare l'ambasciata

Anche se senza dubbio si parla seriamente al WEF, “Davos” è anche segretamente una data importante nel calendario della società, con molti ricevimenti esclusivi a cui puoi partecipare solo su invito. Durante il precedente evento fisico del 2001, i partecipanti hanno rappresentato un capitale di 500 miliardi di dollari (più di 473 miliardi di euro). Negli aeroporti intorno alla svizzera Davos, quindi è stato un Vieni e vai circa 1.500 jet privati ​​e altri aerei.

I veicoli fuoristrada di lusso trasportano i dignitari verso le loro destinazioni.


I veicoli fuoristrada di lusso trasportano i dignitari verso le loro destinazioni.

I veicoli fuoristrada di lusso trasportano i dignitari verso le loro destinazioni.

Foto: Getty Images

Il primo ministro Rutte viaggia per conto dei Paesi Bassi

Questo rafforza l’immagine di un’élite che si scatena e si unisce. Inoltre, il WEF è noto per fare affari fulminei tra politica e affari dietro le quinte che normalmente richiedono mesi.

Questa atmosfera di lobbying esclusivo alimenta le teorie del complotto secondo cui il WEF, come gli incontri del Bilderberg, è in realtà per un’élite segreta che gestisce il mondo sotto copertura e in modo antidemocratico.

Il tema del WEF di quest’anno è la guerra in Ucraina e il tema è “Punto di svolta nella storia: politica politica e direzione degli affari”. A nome dei Paesi Bassi, il primo ministro Mark Rutte e la regina Máxima saranno a Davos la prossima settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.