Home / News / Yell – Nuova ristampa per i Goblin

Yell – Nuova ristampa per i Goblin

All’interno dello sterminato archivio gobliniano, “Yell” è forse uno dei brani meno noti, ma non per questo degno di meno attenzione rispetto ai classici della band. Si tratta di una composizione per basso, percussioni e tastiere dove, a un incipit cadenzato che ricorda “L’alba dei morti viventi”, segue un improvviso cambio di atmosfera dovuto al repentino ingresso di tutti gli altri strumenti: accordi di piano elettrico, basso pulsante, oscuri tappeti di synth e minacciosi giri di tastiere anche qui conservano quel mix di tensione e oscurità che ha reso i Goblin unici nel panorama delle colonne sonore.

Il brano fu realizzato su commissione sul finire del 1978 come sigla della serie televisiva “Sette storie per non dormire”, rassegna di altrettanti film thriller/horror trasmessi nell’autunno dello stesso anno in Italia sul canale RAI Rete 2; visto il successo riscosso dalla rassegna, la Cinevox Record approfittò dell’occasione per pubblicare “Yell” su un 45 giri che includeva, come B-side, il brano “…e suono Rock” tratto dall’album “Il fantastico viaggio del Bagarozzo Mark”.

L’edizione originale di “Yell” è oggi tra le release più rare a nome Goblin, ed è ristampata in esclusiva per la prima volta in assoluto da AMS Records in vinile rosso, in occasione del Record Store Day 2019. Imperdibile!

Tracklist:

Side A:

  1. Yell

Side B:

  1. …e suono Rock

Per maggiori info e per acquistare il vinile clicca qui

About Alessandro Mignogna

Alessandro Mignogna
Membro fondatore e redattore di HamelinProg.com, è consulente informatico e web developer. Appassionato di rock progressivo italiano dei ’70, rock psichedelico, rock alternativo, prog folk, hard rock e molto altro.

Check Also

File Under Oblivion – Il nuovo lavoro di Unfolk

È uscito “File Under Oblivion”, l’ultimo lavoro del Collettivo Unfolk. L’album, una PROGressione tra i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *