34 anni di carcere per una donna saudita per comportamento su Twitter

Notizie ONS

Una donna dell’Arabia Saudita è stata condannata a 34 anni di carcere in appello nel suo paese per il suo comportamento su Twitter, riferisce Il guardiano. Dopo la sua pena detentiva, dovrà ancora affrontare un divieto di viaggio che dura anche 34 anni. La donna ha seguito i resoconti di dissidenti e attivisti sulla piattaforma dei social media e ha condiviso alcuni dei loro post.

Salma al-Shehab, 34 anni, è stata arrestata nel gennaio 2021 mentre era in vacanza in Arabia Saudita. La madre di due figli stava studiando all’Università di Leeds, in Inghilterra, in quel momento.

È stata condannata per la prima volta a pochi anni di carcere per, tra le altre cose, aver utilizzato i social network per “causare disordini pubblici”. La sentenza è notevolmente più alta in appello, poiché sono state incluse nuove accuse.

cella di isolamento

Al-Shehab ha aiutato le persone “che vogliono provocare disordini pubblici e che vogliono destabilizzare la sicurezza sociale e nazionale”, secondo gli atti del tribunale. Lo ha fatto seguendo i loro account Twitter e diffondendo ulteriormente i loro messaggi, hanno detto i giudici.

La saudita si è difesa dicendo che non rappresentava alcun rischio per la sicurezza, in parte perché aveva pochi seguaci. Ha anche detto di aver trascorso 285 giorni in isolamento, secondo quanto riferito Il Washington Post. Secondo il quotidiano americano, Al-Shehab appartiene alla comunità sciita, che è una minoranza oppressa in Arabia Saudita.

La donna saudita non era conosciuta come un’attivista di spicco, secondo The Guardian. Su Twitter ha qualche migliaio di seguaci. Tra i suoi tweet privati ​​ci sono messaggi che chiedono il rilascio di prigionieri politici nello stato del Golfo, incluso il famigerato Loujain al-Hathloul. Chi ha combattuto per il diritto delle donne a guidare ed è venuto 2021 gratisma non è autorizzato a lasciare l’Arabia Saudita negli anni futuri.

READ  Lo zoo di Anversa rifiuta l'accesso a una donna: "Continua a cercare il contatto, non è salutare per lo scimpanzé"

Visita Biden

La sentenza di Al-Shehab arriva settimane dopo che il presidente degli Stati Uniti Biden ha visitato il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman. I due hanno parlato anche di diritti umani, ma Biden ha girato il Paese principalmente nel ruolo di un commerciante.

Ha chiesto un aumento della produzione di petrolio nella speranza che l’americano lo notasse alla pompa. Questa chiamata trovata con l’autocrate saudita nessuna risposta.

Il Washington Post conclude nel suo commento che gli impegni di Bin Salman in materia di diritti umani si sono rivelati “una farsa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.