8.180 infezioni e 152 morti in un giorno

Il bollettino di mercoledì 11 novembre con i dati relativi all’emergenza Coronavirus in Lombardia. Secondo la Regione, nelle ultime 24 ore sono state segnalate 8.180 nuove infezioni da Covid-19 su 52.712 campioni prelevati. Ieri la cifra era di 10.955 positivi su 47.194 tamponi. Ancora tanti morti: da ieri ne sono stati registrati 152 (ieri erano 129). Da febbraio, secondo dati ufficiali, sono morti ufficialmente 18.723 cittadini per Covid-19 nella sola Lombardia. Dall’inizio della pandemia sono stati prelevati in totale 3.377.673 campioni nella regione.

Nuovi pazienti ammessi e in terapia intensiva

Il numero di pazienti ricoverati in ospedale e in terapia intensiva continua ad aumentare. Con l’aumento dei contagi, infatti, aumenta anche la pressione sugli ospedali della rete regionale. Nelle ultime 24 ore il numero dei ricoveri è aumentato di 225, portando il totale a 6.907 (ieri erano 6.682), mentre 56 sono i nuovi pazienti assistiti in terapia intensiva, che raggiungono così la cifra 764 unità. Fortunatamente, anche il numero di guariti / rilasciati è aumentato in modo significativo, arrivando a 124.025: 1.615 persone hanno superato con successo la malattia nelle ultime 24 ore.

Dati delle province lombarde

Per quanto riguarda le province lombarde, più precisamente, nella provincia di Milano si registrano 3.148 nuovi contagi da Coronavirus, di cui 1.149 in città. Sono 854 i nuovi positivi in ​​provincia di Monza e Brianza, 576 in provincia di Brescia, 958 in quella di Como e 385 a Pavia. La provincia di Bergamo ha registrato 168 nuovi contagi, mentre sono 243 a Lecco, 131 in provincia di Lodi, 193 in quella di Cremona, 163 in provincia di Sondrio e infine 248 a Mantova.

READ  "Avrei reso obbligatori i test per il prof. Riapertura obiettivo, ma i rischi restano"

Como, situazione complicata negli ospedali: siamo sfiniti

A differenza della prima ondata di coronavirus della scorsa primavera, la geografia del contagio in Lombardia è cambiata. Se tra febbraio e marzo le realtà più critiche sono state Bergamo e Brescia, oltre a Lodi e Cremona, i problemi più critici nella cura dei malati contagiati arrivano da Como, Monza e Varese, oltre che da Milano. In queste province gli ospedali sono quasi completamente saturi, come confermato da a Fanpage.it di Claudio Zanon, direttore medico dell’ospedale Valduce di Como: “Siamo esausti. L’Ospedale Sant’Anna si trova in una situazione molto complicata. A Erba il pronto soccorso dichiara la colpa a giorni alterni. Varèse non ce la faceva più. Monza chiede l’intervento militare. Questa è la situazione drammatica. Questo triangolo è fortemente influenzato “, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *